Crea sito

Notifica nulla o inesistente?

Consiglio di Stato sentenza n. 5884 27 novembre 2014

Nel processo sia civile che amministrativo la notificazione del ricorso deve ritenersi inesistente quando manchi del tutto ovvero sia stata effettuata in un luogo o con riguardo a persona che non abbiano alcun riferimento con il destinatario della notificazione stessa, risultando a costui del tutto estranea, mentre è affetta da nullità, sanabile con effetto ex tunc con la costituzione del convenuto ovvero con la rinnovazione della notifica cui la parte istante provveda spontaneamente o in esecuzione dell’ordine impartito dal giudice quando, pur eseguita mediante consegna a persona o in luogo diversi da quello stabilito dalla legge, un collegamento risulti tuttavia ravvisabile, così da rendere possibile che l’atto, pervenuto a persona non del tutto estranea al processo, giunga a conoscenza del destinatario.

La notifica dell’appello incidentale, eseguita presso lo studio di un professionista che, pur non essendo più colui al quale l’atto avrebbe dovuto essere consegnato, tuttavia, aveva, ancora, un rapporto processualmente significativo con la parte destinataria della notifica (altro…)

Abbattimento animali

Se vi è discrasia fra prove sierologiche (quelle del privato e quelle della Pa) circa la salute degli animali, l’abbattimento degli stessi va sospeso fino a nuovi accertamenti. L’Azienda sanitaria dovrà comunque vigilare sul rigoroso isolamento degli animali sospetti.

Consiglio di Stato ordinanza n. 5422 27 novembre 2014

(altro…)

Brucellosi. Sequestro allevamento e profilassi

Tar Campania Napoli ordinanza n. 1717 17 ottobre 2014

[…] in relazione alla possibile trasmissione della brucellosi all’uomo, il principio di precauzione non consente di accogliere l’istanza cautelare formulata dalla ricorrente [di sospensione dei provvedimenti di sequestro fiduciario e affidamento in custodia di allevamento bufalino, di isolamento di campi contrassegnati, di misure di profilassi presso l’azienda e di tutti gli altri atti connessi e consequenziali], in quanto l’interesse economico prospettato dalla ricorrente e posto alla base della invocata sospensione della efficacia degli atti impugnati è recessivo rispetto all’interesse pubblico, costituzionalmente tutelato (art. 32 Cost.), alla salvaguardia della salute (altro…)

Stabilizzazione e mobilità esterna, giurisdizione ordinaria

Consiglio di Stato sentenza n. 5907  28 novembre 2014

Rientra nella giurisdizione del giudice ordinario sia la controversia avente ad oggetto il diritto alla stabilizzazione, che la controversia avente ad oggetto la mobilità esterna con trasferimento del dipendente pubblico tra enti del medesimo comparto o tra enti di comparti diversi. Questa ultima, secondo l’insegnamento della Corte di Cassazione a Sezioni Unite ( 9 sett. 2010 n.19251), si configura come cessione del contratto di lavoro, si verifica nel corso di un rapporto di lavoro già instaurato, non determina la costituzione di un nuovo rapporto di pubblico impiego o una nuova assunzione ma la sola modificazione soggettiva del rapporto di lavoro già in atto.

Analoghe considerazioni, quanto alla giurisdizione, devono essere formulate con riguardo alle procedure di stabilizzazione che non si basano su una scelta comparativa tra più aspiranti, ma sulla esigenza apprezzata a livello legislativo di consolidare, con rapporti di lavoro a tempo indeterminato, posizioni lavorative a tempo determinato a condizione che siano preventivamente verificati i requisiti previsti (altro…)

Forze armate, giudizi di avanzamento

Consiglio di Stato sent. n. 5897 28 novembre 2014

Nelle procedure d’avanzamento a scelta di ufficiali delle Forze Armate, la promozione è caratterizzata non dalla comparazione fra gli scrutinandi, ma da una valutazione in assoluto per ciascuno di essi; a tanto segue che l’iscrizione nel quadro di avanzamento è determinata dalla posizione conseguita da ciascuno nella graduatoria, sulla base del punteggio attribuitogli.

Il sindacato giurisdizionale sui giudizi di avanzamento degli ufficiali può essere condotto sia sotto il profilo dell’eccesso di potere in senso relativo, nei limiti in cui esso sia possibile in base al raffronto a posteriori, fra loro, dei punteggi attribuiti a ciascuno, in riferimento agli elementi di giudizio (documentazione caratteristica) concretamente presi in considerazione, sia sotto il profilo dell’eccesso di potere in senso (altro…)

Ritardata assunzione, al dipendente 70 % retribuzione base

Consiglio di Stato sentenza n. 5902 28 novembre 2014

In sede di quantificazione per equivalente del danno in ipotesi di omessa o ritardata assunzione, questo non si identifica in astratto nella mancata erogazione della retribuzione e della contribuzione, elementi che comporterebbero una vera e completa restitutio in integrum e che possono rilevare soltanto sotto il profilo, estraneo al presente giudizio, della responsabilità contrattuale, occorrendo, invece, caso per caso, (altro…)

Sisma, riduzione imposte, aiuti di Stato, sospensione

Consiglio di Stato sentenza n. 5906 28 novembre 2014

In materia di “aiuti indiretti”, consistenti nell’esonero parziale dal pagamento di somme dovute per legge, la “sospensione” di cui alla Decisione resa dalla Commissione Europea n. C (2012) 7128 dell’ 1.10.2012, che ha ingiunto allo Stato di “sospendere tutti gli aiuti illegali concessi …” fintantoché la stessa Commissione non abbia preso una decisione in merito alla compatibilità dell’aiuto con il mercato interno, comporta ex sé ed immediatamente la riviviscenza dell’obbligo di pagamento integrale degli importi originariamente dovuti.

In altri termini, dal momento che l’aiuto concesso consiste nel “ridotto pagamento” di imposte e tasse, la “sospensione” del beneficio reca insito l’obbligo del pagamento integrale di quanto dovuto, che solo impropriamente può essere definito “recupero” degli importi non pagati; (altro…)