Art 1 l. 241/1990 (aggiornato 2018)

L. 241 1990:

Art. 1.

(Principi generali dell’attività amministrativa)

1. L’attività amministrativa persegue i fini determinati dalla legge ed è retta da criteri di economicità, di efficacia, di imparzialità, di pubblicità e di trasparenza secondo le modalità previste dalla presente legge e dalle altre disposizioni che disciplinano singoli procedimenti, nonchè dai principi dell’ordinamento comunitario.

1-bis. La pubblica amministrazione, nell’adozione di atti di natura non autoritativa, agisce secondo le norme di diritto privato salvo che la legge disponga diversamente.

1-ter. I soggetti privati preposti all’esercizio di attività amministrative assicurano il rispetto dei criteri e dei principi di cui al comma 1 →, con un livello di garanzia non inferiore a quello cui sono tenute le pubbliche amministrazioni in forza delle disposizioni di cui alla presente legge←.*

2. La pubblica amministrazione non può aggravare il procedimento se non per straordinarie e motivate esigenze imposte dallo svolgimento dell’istruttoria.

* Comma così in ultimo modificato (vedi testo tra le freccette “→←”) dalla l. n. 190 6 novembre 2012, n. 190 “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”

Precedente Aggiudicazione secondo il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, lex specialis che prevede offerta tecnico-funzionale ed offerta economica in un’unica busta: illegittimità Successivo Gara appalto offerta economicamente più vantaggiosa, come si valuta l’affidabilità delle offerte: Tar Lazio sentenza n. 2187 28 febbraio 2018