Art. 23 l. 218/1952 Riordinamento delle pensioni dell’assicurazione obbligatoria per l’invalidita’, la vecchiaia e i superstiti (aggiornato 2016)

Art. 23.

Il datore di lavoro che non provvede al pagamento dei contributi entro il termine stabilito o vi provvede in misura inferiore alla dovuta e’ tenuto al pagamento dei contributi e delle parti di contributo non versato tanto per la quota a proprio carico quanto per quella a carico dei lavoratori, nonche’ al versamento di una somma aggiuntiva pari a quella dovuta, ed e’ punito con l’ammenda da lire 1000 a lire 20.000 per ogni dipendente per il quale sia stato omesso in tutto o in parte il pagamento del contributo.

Il datore di lavoro che trattiene sulla retribuzione del lavoratore somme maggiori di quelle per le quali e’ stabilita la trattenuta, e’ punito con l’ammenda da lire 1000 a lire 10.000 per ogni dipendente per il quale e’ stata effettuata l’abusiva trattenuta, salvo che il fatto costituisca reato piu’ grave.

Il datore di lavoro e in genere le persone che sono preposte al lavoro, ove si, rifiutino di prestarsi alle indagini dei funzionari ed agenti incaricati della sorveglianza o di fornire loro i dati e documenti necessari ai fini della applicazione della presente legge o li diano scientemente errati ed incompleti, sono puniti con una ammenda da lire 5000 a lire 50.000, salvo che il fatto costituisca reato piu’ grave.

Chiunque fa dichiarazioni false o compie altri atti fraudolenti al fine di procurare indebitamente a se’ o ad altri le prestazioni contemplate dalla presente legge e’ punito, salvo che il fatto costituisca reato, con la sanzione amministrativa pecuniaria da lire quattrocentomila a due milioni quattrocentomila.

I proventi delle pene pecuniarie sono devoluti a beneficio del Fondo per l’adeguamento delle pensioni.

Precedente Art. 19 l. 218/1952 Riordinamento delle pensioni dell'assicurazione obbligatoria per l'invalidita', la vecchiaia e i superstiti Successivo Differenze retributive e ritenute previdenziali