Art. 25 cpa dopo D.L. 168/2016 e Legge 197/2016

Art. 25 cpa  dopo D.L. 168/2016 e Legge di conversione 197/2016

Domicilio

1. Fermo quanto previsto, con riferimento alle comunicazioni di segreteria, dall’articolo 136, comma 1:

a) nei giudizi davanti ai tribunali amministrativi regionali, la parte, se non elegge domicilio nel comune sede del tribunale amministrativo regionale o della sezione staccata dove pende il ricorso, si intende domiciliata, ad ogni effetto, presso la segreteria del tribunale amministrativo regionale o della sezione staccata;

b) nei giudizi davanti al Consiglio di Stato, la parte, se non elegge domicilio in Roma, si intende domiciliata, ad ogni effetto, presso la segreteria del Consiglio di Stato*

1-bis. Al processo amministrativo telematico si applica, in quanto compatibile, l’articolo 16-sexies del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221**

1-ter. A decorrere dal 1° gennaio 2018 il comma 1 non si applica per i ricorsi soggetti alla disciplina del processo amministrativo telematico***

 

*norma così modificata dall’art. 1, comma 1, lett. a), d.lgs. 15 novembre 2011, n. 195, recante Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104, recante codice del processo amministrativo a norma dell’articolo 44, comma 4, della legge 18 giugno 2009, n. 69

(Testo previgente:

Art. 25 cpa

1. Nei giudizi davanti ai tribunali amministrativi regionali, la parte, se non elegge domicilio nel comune sede del tribunale amministrativo regionale o della sezione staccata dove pende il ricorso, si intende domiciliata, ad ogni effetto, presso la segreteria del tribunale amministrativo regionale o della sezione staccata.

2. Nei giudizi davanti al Consiglio di Stato, la parte, se non elegge domicilio in Roma, si intende domiciliata, ad ogni effetto, presso la segreteria del Consiglio di Stato.)

 

**comma aggiunto dall’art. 7 D.L. 168/2016  “Misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, per l’efficienza degli uffici giudiziari, nonche’ per la giustizia amministrativa.” convertito con modificazioni dalla L. 25 ottobre 2016, n. 197

***comma aggiunto dall’art. 7 D.L. 168/2016  “Misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, per l’efficienza degli uffici giudiziari, nonche’ per la giustizia amministrativa.” e poi modificato dalla legge di conversione 197/2016

 

Art. 7 D.L. 168/2016  convertito con modificazioni dalla L. 25 ottobre 2016, n. 197

[…]

3. Le modifiche introdotte dal presente articolo, nonche’ quelle disposte dall’articolo 20, comma 1-bis, del decreto-legge 27 giugno 2015, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 132, come modificato dal presente articolo, hanno efficacia con riguardo ai giudizi introdotti con i ricorsi depositati, in primo o in secondo grado, a far data dal 1° gennaio 2017; ai ricorsi depositati anteriormente a tale data, continuano ad applicarsi, fino all’esaurimento del grado di giudizio nel quale sono pendenti alla data stessa e comunque non oltre il 1° gennaio 2018, le norme vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto.

[…]

5. Le disposizioni sul processo amministrativo telematico contenute negli allegati al decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104, non si applicano alle controversie di cui all’articolo 22 e agli articoli 39 e seguenti del Capo V della legge 3 agosto 2007, n. 124.[ “Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del segreto.”]

[…]

Vedi anche:

Processo amministrativo, notifica appello dopo un anno da pubblicazione sentenza: si applica l’art. 330 cpc terzo comma

Eccezione difetto giurisdizione e abuso del processo amministrativo

Art. 117 Codice del processo amministrativo

Art. 31 Codice del processo amministrativo

Processo amministrativo, condanna spese processuali, no soccombenza: motivazione specifica

Processo amministrativo, modalità computo termine processuale a giorni il cui decorso abbia inizio durante periodo di sospensione feriale

Art. 120 Codice del processo amministrativo

Art. 119 Codice del processo amministrativo

Processo amministrativo, formazione del giudicato, thema decidendum, obiter dictum

Processo amministrativo, ricorso primo grado, sopravvenuta carenza di interesse, annullamento sentenza impugnata

Processo amministrativo, produzione documenti PA fuori termine, rispetto del contraddittorio

Processo amministrativo, obbligo contributo unificato: non necessaria esatta quantificazione

Processo amministrativo, penalità di mora: no per inadempimenti pregressi

Art. 114 CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO

Processo amministrativo, appello

Apertura fallimento interrompe processo amministrativo

Azione avverso il silenzio amministrativo, presupposti

Precedente Documenti di gara appalti pubblici Successivo Impugnazione aggiudicazione, termini appello