Art 3 l. 241/1990 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi (aggiornato 2018)

L. 241/1990 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi

Art. 3

Motivazione del provvedimento*

1. Ogni provvedimento amministrativo, compresi quelli concernenti l’organizzazione amministrativa, lo svolgimento dei pubblici concorsied il personale, deve essere motivato, salvo che nelle ipotesi previste dal comma 2. La motivazione deve indicare i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato la decisione dell’amministrazione, in relazione alle risultanze dell’istruttoria.

2. La motivazione non è richiesta per gli atti normativi e per quelli a contenuto generale.

3. Se le ragioni della decisione risultano da altro atto dell’amministrazione richiamato dalla decisione stessa, insieme alla comunicazione di quest’ultima deve essere indicato e reso disponibile, a norma della presente legge, anche l’atto cui essa si richiama.

4. In ogni atto notificato al destinatario devono essere indicati il termine e l’autorità cui è possibile ricorrere.

* Rubrica così in ultimo modificata dalla l. n. 15 11 febbraio 2005 Modifiche ed integrazioni alla legge 7 agosto 1990, n. 241, concernenti norme generali sull’azione amministrativa.

Precedente Promozione a scelta, comparazione punteggi attribuiti agli ufficiali in avanzamento e configurazione del vizio di eccesso di potere, Tar Lazio sentenza n. 2121 24 febbraio 2018 su una mancata iscrizione al quadro di avanzamento al grado superiore di Capitano di Vascello Successivo Responsabilità pubblica Amministrazione da fatto illecito, risarcimento del danno provocato da un provvedimento amministrativo illegittimo: il nesso causale