Art. 374-bis codice penale

False dichiarazioni o attestazioni in atti destinati all’Autorità giudiziaria o alla Corte penale internazionale

Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da uno a cinque anni chiunque dichiara o attesta falsamente in certificati o atti destinati a essere prodotti all’autorità giudiziaria o alla Corte penale internazionale condizioni, qualità personali, trattamenti terapeutici, rapporti di lavoro in essere o da instaurare, relativi all’imputato, al condannato o alla persona sottoposta a procedimento di prevenzione.

Si applica la pena della reclusione da due a sei anni se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale, da un incaricato di un pubblico servizio o da un esercente la professione sanitaria

Vedi anche Cassazione Penale n. 42767 del 13 ottobre 2014

Precedente Trattenimento in servizio fino al 70° anno di età, diritto potestativo, INPGI Successivo False dichiarazioni o attestazioni in atti destinati all'autorità giudiziaria su condizioni/qualità personali dell'indagato