Crea sito

Azione di annullamento e conversione in azione di accertamento quando c’è interesse a fini risarcitori: Tar Toscana sentenza n. 303 26 febbraio 2018

Tar Toscana sentenza n. 303 26 febbraio 2018

Ai sensi dell’art. 34, comma 3, del d.lgs. n. 104/2010, se l’annullamento non risulta utile il giudice è tenuto comunque ad accertare l’illegittimità degli atti impugnati laddove sussiste l’interesse a fini risarcitori (interesse desumibile dal fatto che la ricorrente si è riservata di proporre un’azione risarcitoria): la necessità di procedere all’accertamento dell’illegittimità opera in funzione di presupposto della richiesta risarcitoria, stante la scelta legislativa di scindere la tutela di annullamento dalla tutela risarcitoria per equivalente, ex art. 30, comma 3, del d.lgs. n. 104/2010.

In questa ipotesi l’azione di annullamento si depotenzia per ridursi ad azione di accertamento, il cui presupposto è l’interesse risarcitorio, al quale la società istante fa riferimento sia nel ricorso, sia nella memoria difensiva.

In altri termini, l’art. 34, comma 3, d.lgs. n. 104/2010 istituisce una specie di conversione dell’azione di annullamento in azione di accertamento, consentita dalla circostanza che l’accertamento dell’illegittimità dell’atto impugnato è riportato nel petitum di annullamento come un antecedente necessario.

Pertanto, il giudice limita d’ufficio la sua decisione ad un contenuto di accertamento dell’illegittimità qualora, essendo ormai venuto a mancare l’interesse all’annullamento, permanga l’interesse ad agire ai fini risarcitori

Nel caso di specie i giudici preliminarmente rilevavano “che l’annullamento degli atti impugnati non risulta[va] più utile per l’interessata, in quanto gli stessi hanno [avevano] ormai esaurito i loro effetti nel corso del giudizio (gli effetti dell’aggiudicazione e del conseguente contratto sono circoscritti all’ormai trascorso anno scolastico 2011/2012).”

Vedi anche:

Azione di accertamento nel processo amministrativo

Processo amministrativo, domanda di accertamento pura non ammissibile