Crea sito

Rinvio Concorso Polizia di Stato, 1650 allievi

Rinvio Concorso Polizia di Stato

Rinvio Concorso Polizia di Stato, 1650 allievi agenti da assumere

Rinvio del diario della prova scritta del concorso pubblico, per esame, per l’assunzione di milleseicentocinquanta allievi agenti della Polizia di Stato. (Gazzetta Ufficiale del 17 aprile 2020)

Per comprovate esigenze organizzative e di servizio, anche in relazione alla persistenza (altro…)

Sospensione termini processo tributario e differimento udienze

Sospensione termini processo tributario

Circolare dell’Agenzia delle entrate sull’interpretazione dell’articolo 83 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, contenente alcune disposizioni volte al differimento delle udienze e alla sospensione dei termini processuali, con particolare riguardo al processo tributario e relativi adempimenti. (altro…)

Esclusione gara omesso pagamento imposte e tasse

Esclusione gara omesso pagamento imposte

Esclusione gara omesso pagamento imposte e tasse, basta l’avviso di accertamento

CdS sentenza n. 2397 del 14 aprile 2020
[…] Le circostanze di fatto sono pacifiche e non contestate.
La Società Omissis, all’atto della verifica dei requisiti generali da parte della stazione appaltante, (altro…)

Testo del decreto-legge 8 aprile 2020 n. 23

DECRETO-LEGGE 8 aprile 2020, n. 23

Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali.

CAPO I

MISURE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE IMPRESE

ART. 1

(Misure temporanee per il sostegno alla liquidità delle imprese)

  1. Al fine di assicurare la necessaria liquidità alle imprese con sede in Italia, colpite dall’epidemia COV1D-19, diverse dalle banche e da altri soggetti autorizzati all’esercizio del credito, SACE S.p.A. concede fino al 31 dicembre 2020 garanzie, in conformità con la normativa europea in tema di aiuti di Stato e nel rispetto dei criteri e delle condizioni previste dai commi da 2 a 11, in favore di banche, di istituzioni finanziarie nazionali e internazionali e degli altri soggetti abilitati all’esercizio del credito in Italia, per finanziamenti sotto qualsiasi forma alle suddette imprese. Gli impegni assunti dalla SACE S.p.A. ai sensi del presente comma non superano l’importo complessivo massimo di 200 miliardi di euro, di cui almeno 30 miliardi sono destinati a supporto di piccole e medie imprese come definite dalla Raccomandazione della Commissione europea n. 2003/361/CE, ivi inclusi i lavoratori autonomi e i liberi professionisti titolari di partita IVA, che abbiano pienamente utilizzato la loro capacità di accesso al Fondo di cui all’articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n, 662.
  2. Le garanzie di cui al comma 1 sono rilasciate alle seguenti condizioni:                                        a) la garanzia è rilasciata entro il 31 dicembre 2020, per finanziamenti di durata non superiore a 6 anni, con la possibilità per le imprese di avvalersi di un preammortamento di durata fino a 24 mesi;                                                                                                                   b) al 31 dicembre 2019 l’impresa beneficiaria non rientrava nella categoria delle imprese in difficoltà ai sensi del Regolamento (UE) n, 651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014, del Regolamento (UE) n. 702/2014 del 25 giugno 2014 e del Regolamento (UE) n.1388/2014 del 16 dicembre 2014, e alla data del 29 febbraio 2020 non risultava presente tra le esposizioni deteriorate presso il sistema bancario, come definite ai sensi della normativa europea;                                                                                                                                    c) l’importo del prestito assistito da garanzia non è superiore al maggiore tra i seguenti elementi:                                                                                                                                        1) 25 per cento del fatturato annuo dell’impresa relativi ai 2019, come risultante dal bilancio ovvero dalla dichiarazione fiscale;                                                                                               2) il doppio dei costi del personale dell’impresa relativi al 2019, come risultanti dal bilancio ovvero da dati certificati se l’impresa non ha approvato il bilancio; qualora l’impresa abbia iniziato la propria attività successivamente al 31 dicembre 2018, si fa riferimento ai costi del, personale attesi per i primi due anni di attività, come documentato e attestato dal rappresentante legale dell’impresa;                                                                                           d) la garanzia, in concorso paritetico e proporzionale tra garante e garantito nelle perdite per mancato rimborso del finanziamento, copre il:

(altro…)

Processo amministrativo, perenzione, ordinanza n. 3748/2020: l’istanza di fissazione dell’udienza entro il primo anno di pendenza del ricorso è indispensabile per evitare la perenzione e non può essere surrogata da altro atto di procedura

Ordinanza n. 3748/2020 Tar del Lazio

[…]

– l’art. 71, comma 1, c.p.a., dispone che “la fissazione dell’udienza di discussione deve essere chiesta da una delle parti con apposita istanza, da presentare entro il termine massimo di un anno dal deposito del ricorso”;

– l’art. 81 c.p.a. stabilisce, al primo periodo, che “il ricorso si considera perento se nel corso di un anno non sia compiuto alcun atto di procedura”; (altro…)

Deroghe codice dei contratti pubblici Protezione civile e Regioni – Emergenza sanitaria Covid 19

Deroghe al Codice dei contratti pubblici

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

ORDINANZA 1 aprile 2020 

Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

[…]

Art. 1
Proroga dei contratti del Dipartimento della protezione civile e delle regioni

1. Al fine di garantire il mantenimento della piena operatività del Dipartimento della protezione civile, nonchè delle strutture regionali impegnate nella gestione dell’emergenza, i contratti di acquisizione di beni e servizi stipulati dallo stesso Dipartimento e dalle regioni in scadenza entro la data di cessazione dello stato di emergenza, possono essere prorogati, in deroga all’art. 106 del decreto legislativo 16 aprile 2016, n. 50, di sei mesi agli stessi prezzi, patti e condizioni o più favorevoli per la stazione appaltante.

(altro…)

Testo dell’ordinanza del 22 marzo 2020 che fa divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in comune diverso da quello in cui si trovano

Il Ministro della Salute di concerto con il Ministro dell’Interno

VISTI gli articoli 32, 117, comma 2, lettera q), e 118 della Costituzione;

VISTO l’articolo 47-bis del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, che attribuisce al Ministero della salute le funzioni spettanti allo Stato in materia di tutela della salute umana; (altro…)

Concorso, ricorso notificato ai soli vincitori, Tar Lazio Ordinanza n. 10481 9 agosto 2019: va integrato il contraddittorio nei confronti di tutti i soggetti inseriti nella graduatoria che verrebbero superati dal candidato ricorrente

Tar Lazio Ordinanza n. 10481 9 agosto 2019

[…]

Considerato che il presente ricorso, volto a contestare la graduatoria finale approvata in relazione alla procedura in epigrafe indicata, risulta essere stato notificato, oltre che all’amministrazione resistente, a soli tre controinteressati, corrispondenti ai concorrenti posizionatisi ai primi tre posti della graduatoria;

Considerato che la notifica ad almeno un controinteressato rende il ricorso ammissibile ma che, potendo l’eventuale accoglimento dello stesso arrecare un pregiudizio a tutti i soggetti inseriti nella graduatoria che verrebbero superati dalla ricorrente, detto ricorso, ai fini della sua procedibilità, debba essere notificato anche a tali soggetti (i quali risultano pari a n. 6);

Ritenuto, pertanto, di dover disporre l’integrazione del contraddittorio nei confronti di tali soggetti, nel rispetto delle modalità di legge, ossia con le forme ordinarie (avuto riguardo al numero non (altro…)

Controllo giudiziario e sospensione degli effetti interdittivi conseguenti all’informazione antimafia, ordinanza CDS n. 4873/2019: anche il giudizio afferente l’informazione antimafia deve essere sospeso sino al decorso del termine di efficacia del controllo giudiziario

Una volta disposto il controllo giudiziario, la sospensione degli effetti interdittivi conseguenti all’informazione antimafia deve operare indefettibilmente per tutto il tempo della misura del controllo giudiziario adottata dal Tribunale in sede di prevenzione, ai sensi dell’art. 34-bis, comma 7, del d. lgs. n. 159 del 2011, e di conseguenza anche il giudizio amministrativo relativo all’informazione antimafia deve essere sospeso, salva ulteriore prosecuzione all’esito della misura.

 

Consiglio di Stato ordinanza n. 4873 10 luglio 2019 (altro…)

Chiamata nel ruolo di professore di seconda fascia dei ricercatori a tempo indeterminato (RTI) che abbiano conseguito l’abilitazione scientifica, Tar Calabria ordinanza n. 858/2019: non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 24 co. 6 L. n. 240/2010 nella parte in cui prevede che la procedura di valutazione dei ricercatori a tempo indeterminato «può» essere utilizzata anziché «è» utilizzata e nella parte in cui prevede il termine ultimo del 31 dicembre 2019

Ritiene il Tribunale di dover sollevare, in riferimento all’art. 3 e 97 della Costituzione, questione di legittimità costituzionale dell’art. 24 co. 6 l. n. 240/2010, nella parte in cui prevede che a procedura di valutazione dei ricercatori a tempo indeterminato sia discrezionale e con termine ultimo del 31 dicembre 2019, ravvisandone i presupposti della rilevanza e non manifesta infondatezza. (altro…)