Crea sito

Rifiuto assegno circolare non estingue obbligazione

Cassazione civile sentenza n. 23364 3 novembre 2014

Nello svolgimento del rapporto obbligatorio, è contrario al dovere di correttezza il rifiuto del creditore, senza plausibili motivi, di accettare assegni circolari in luogo di somme di denaro al cui pagamento sia tenuto il debitore, ma a tale rifiuto non può attribuirsi efficacia estintiva dell’obbligazione, costituendo l’assegno circolare prestazione diversa rispetto a quella oggetto dell’obbligazione pecuniaria, la quale, ai sensi dell’articolo 1277 c.c., comma 1, si estingue con moneta avente corso legale nello Stato al tempo del pagamento e per il suo valore nominale.

L’offerta di pagamento della somma dovuta fatta dal debitore con l’invio, a mezzo posta, di assegno circolare al domicilio del creditore al tempo della scadenza dell’obbligazione integra la fattispecie di cui all’articolo (altro…)