Crea sito

Concorso per il reclutamento del personale docente nelle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di I e II grado: la formula di cui al comma 10 dell’art. 400 per cui superano le prove scritte, grafiche o pratiche i candidati che abbiano riportato una votazione non inferiore a ventotto quarantesimi, laddove è previsto che la Commissione giudicatrice dispone di quaranta punti per le prove scritte, grafiche o pratiche, sta a significare che il punteggio su queste ultime è unitario e inscindibile.

Consiglio di Stato sentenza n. 1187/2020 14 febbraio 2020

[…]

FATTO e DIRITTO

Ritenuto che il giudizio può essere definito con sentenza emessa ai sensi dell’art. 74 c.p.a.;

Rilevato in fatto che:

– con il ricorso introduttivo del giudizio di primo grado e successivi motivi aggiunti, gli odierni appellanti – tutti partecipanti al concorso per il reclutamento del personale docente nelle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di I e II grado, indette dall’Ufficio Scolastico Regionale per Lazio e Toscana, per la classe concorsuale A033 – impugnavano:

a) il bando del predetto concorso, indetto con decreto del direttore generale per il personale scolastico del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca n. 82 del 24 settembre 2012, e segnatamente l’art. 9, commi 1, 2 e 3, e l’art. 10, comma 1, i quali prevedono che sono ammessi alle prove orali, i candidati che hanno superato la prova di cui all’art. 7 del medesimo bando (ovverosia la prova scritta con un punteggio non inferiore a 21/30) e che hanno conseguito un punteggio non inferiore a 7/10 nella prova di cui all’art. 9 del medesimo bando; (altro…)

Concorso scuola, insegnanti tecnico pratici o di strumento musicale e mancato avvio del percorso abilitante richiesto dal bando: annullato in parte qua il Decreto c.d. Buona Scuola – DM. 106 DEL 23/02/2016

Consiglio di Stato sentenza n. 3705 15 giugno 2018

La questione esaminata

…1. È appellata la sentenza del TAR Lazio, Roma, sez. III BIS, del 25/11/2016 n. 11792/2016 di reiezione del ricorso collettivo proposto dagli appellanti in rubrica iscritti per l’annullamento, in parte qua, del D.D.G. n. 106 del 23 febbraio 2016 d’indizione del concorso per titoli ed esami per il reclutamento del personale docente nella scuola secondaria di primo e secondo grado. (altro…)

Procedura concorsuale per la progressione dal II al I livello nel profilo di Tecnologo: si al riconoscimento dei periodi di servizio presso l’ASI con contratti a tempo determinato, prima della immissione in ruolo (servizio pre ruolo), considerandolo come anzianità effettiva utile ai fini del passaggio di livello

Consiglio di Stato sentenza n. 1469 7 marzo 2018

La questione

“3. […] Nell’atto di impugnazione il Omissis, ribadito, in via preliminare, di essersi classificato all’ottavo posto in graduatoria, con il candidato Omissis; che, essendo otto i posti a disposizione, il controinteressato è stato collocato utilmente in graduatoria a scapito del ricorrente, in virtù della maggiore anzianità posseduta, ai sensi dell’art. 8 del bando; e che anche “un solo punto attribuito al ricorrente in relazione alla sua rilevante anzianità pre ruolo sarebbe sufficiente per superare il dott. Omissis e fargli ottenere la nomina”;

evidenzia di nuovo che l’anzianità valutata dalla Commissione a favore del ricorrente si riferisce soltanto al periodo 17 giugno 2004 – 30 settembre 2009 con esclusione, quindi, del periodo intercorso tra l’11 agosto del 1993 e il 16 giugno del 2004, quando il dott. Omissis ha lavorato per l’ASI in forza di contratti di lavoro a tempo determinato equiparati al III livello di collaboratore professionale ASI, livello equipollente a quello di Tecnologo di III. (altro…)

Procedure di valutazione comparativa per posti di ricercatore universitario e sindacato del giudice amministrativo

Consiglio di Stato sentenza n. 3013 18 maggio 2018

La giurisprudenza del Consiglio di Stato è costante nel ritenere che «le valutazioni della commissione nell’ambito di una procedura concorsuale per posti di professore universitario costituiscono espressione dell’esercizio della c.d. discrezionalità tecnica, o meglio costituiscono valutazioni tecniche».

Si tratta «di valutazioni pienamente sindacabili dal giudice amministrativo, sia sotto il profilo della ragionevolezza, adeguatezza e proporzionalità che sotto l’aspetto più strettamente tecnico». (altro…)

Miur concorso docenti – Consiglio di Stato sentenza n. 504 25 gennaio 2018 su punteggio concorso scuola: obbligo di valutazione congiunta prove scritte e pratiche nei concorsi per l’accesso all’insegnamento scolastico

Miur concorso docenti – Consiglio di Stato sentenza n. 504 25 gennaio 2018 su punteggio concorso scuola:

In materia di concorsi per l’accesso all’insegnamento scolastico, va ribadito che il MIUR non può prevedere un bando di concorso con l’attribuzione di punti 30 per il giudizio su prove e grafiche e altri punti 10 per quelle pratiche, così arbitrariamente frazionando le prove medesime ed il punteggio relativo, al fine di creare un (altro…)

Agenzia spaziale italiana concorsi, progressione dal III al II livello nel profilo di tecnologo, punteggi, Consiglio di Stato: va riconosciuta anche l’anzianità maturata con il contratto a tempo determinato

Agenzia spaziale italiana concorsi, Consiglio di Stato sentenza n. 352 19 gennaio 2018:

In relazione all’equiparazione dell’esperienza acquisita sotto forma di contratti a tempo determinato ovvero indeterminato, va ribadito in linea di principio (secondo quanto espresso anche in sede sovranazionale, ad es. da C.G.U.E. 18 ottobre 2012, C-302/11) che (altro…)

Altezza minima Vigili del Fuoco, Consiglio di Stato sentenza n. 364 19 gennaio 2018 conferma l’operatività dei limiti di altezza con riguardo al concorso indetto con decreto n. 3747/2007, per la stabilizzazione, nella qualifica di Vigile del Fuoco, del personale volontario del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Altezza minima Vigili del Fuoco, Consiglio di Stato sentenza n. 364 19 gennaio 2018:

Il disposto dell’art. 6, co. 2 del D.P.R. 207/2015, che stabilisce che “dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, fermo restando quanto previsto dall’articolo 5, comma 3, non è più applicabile, altresì, nessuna disposizione di natura regolamentare o amministrativa, che preveda limiti di altezza in materia di reclutamenti del personale delle Forze armate e per l’accesso ai ruoli del personale delle Forze di polizia a ordinamento militare e civile e del Corpo dei vigili del fuoco” va interpretato nel senso che i limiti di altezza di cui alla previgente normativa non possono (altro…)

Viziata correzione esame avvocato per non corretta formazione della Sottocommissione, ottemperanza della sentenza, Consiglio di Stato sent. n. 302 18 gennaio 2018: non può essere riconosciuto il diritto del ricorrente ad ottenere l’immediata attribuzione di un maggior punteggio o la diretta ammissione, seppur con riserva, alle prove orali

In materia di ottemperanza al giudicato amministrativo, dall’accoglimento di un vizio di legittimità formale inerente la procedura di correzione degli elaborati scritti dell’esame per l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato (la non corretta formazione della Sottocommissione in occasione del raggruppamento e successivo mescolamento dei plichi contenenti gli elaborati), non afferente, pertanto, la bontà della correzione delle prove scritte, non può che derivare un mero obbligo di procedere nuovamente alla correzione degli elaborati del candidato ricorrente. (altro…)

Autocertificazione titoli, Consiglio di Stato sentenza n. 49 4 gennaio 2018 in materia di valutazione titoli nei concorsi pubblici: dichiarazione sostitutiva di certificazione ed integrazione documentale

Consiglio di Stato sentenza n. 49 4 gennaio 2018 in materia di autocertificazione titoli nei concorsi pubblici:

In presenza di autocertificazione del possesso di titoli valutabili come previsto dal bando di concorso, resa ai sensi del D.P.R. n. 445 del 2000, e di corrispondenza al vero di quanto dichiarato dal candidato, l’integrazione documentale, mediante la produzione degli attestati necessari a comprovare i titoli stessi, sopravvenuta all’espletamento della prova orale pur in presenza di un articolo del bando che dispone che la fase di valutazione dei titoli debba precedere lo svolgimento della prova orale, finisce per colmare una lacuna soltanto formale, così assolvendo allo scopo dell’istituto dell’integrazione documentale, senza compromissione della par (altro…)