Crea sito

Visto di ingresso e presentazione di documentazione falsa, perimetro applicativo dell’art. 4 co. 2 Testo unico immigrazione

E’ pienamente logico ritenere che l’art. 4, comma 2, del d.lgs. 286/1998 – secondo cui “la presentazione di documentazione falsa o contraffatta o di false attestazioni a sostegno della domanda di visto comporta automaticamente, oltre alle relative responsabilità penali, l’inammissibilità della domanda” – debba trovare applicazione anche alla domanda di permesso di soggiorno UE, in (altro…)

Calcolo del reddito minimo per il permesso di soggiorno e diritti fondamentali della persona | Straniero a carico di terzi, possesso del requisito reddituale

Consiglio di Stato sentenza n. 1456 6 marzo 2018:

L’applicazione delle disposizioni che richiedono il possesso di un reddito minimo per il rinnovo del permesso di soggiorno deve restare strettamente ancorata ai termini fissati dalle norme per ciascuna diversa finalità e all’interno della ratio che le sorregge, tenuto conto che da esse dipende l’accesso a diritti fondamentali per la persona interessata.

Pertanto dalle disposizioni del d.lgs. n. 286/1998, (altro…)

Reato grave commesso dallo straniero non automaticamente ostativo al rinnovo del permesso di soggiorno se il richiedente ha legami familiari ed una stabile permanenza in Italia: Consiglio di Stato sentenza n. 1092 20 febbraio 2018

In materia di rinnovo del permesso di soggiorno, l’esistenza di una condanna a carico del richiedente, per quanto relativa ad un reato grave e tale da comportare allarme sociale, non è ritenuta dall’art. 5, comma 5, d.lgs. n. 286 1998, di per sé sufficiente a giustificare il diniego, così esonerando dall’onere di ulteriore motivazione, qualora sussistano legami familiari ed una stabile permanenza in Italia. (altro…)

Mancato rinnovo permesso di soggiorno a straniero che ha subito condanna definitiva in relazione a reati ostativi, Consiglio di Stato sentenza n. 969 14 febbraio 2018: non basta avere un fratello in Italia per evitare l’automatica espulsione

In materia di rifiuto del rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di lavoro da parte della questura si è pronunciato il Consiglio di Stato, sentenza n. 969 14 febbraio 2018:

Le norme recate dagli artt. 4 e 5 del d.lgs. n. 286/98 mirano a tutelare l’interesse pubblico alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Nell’esercizio del potere disciplinato all’art. 5, co. 5 del d.lgs. n. 286/98, nel testo novellato nel 2007, l’Amministrazione è tenuta a valutare la condizione familiare dello straniero, in quanto l’interesse collettivo alla tutela della sicurezza pubblica deve essere bilanciato con l’interesse alla vita familiare dell’immigrato e dei suoi congiunti, attenendo tale profilo a diritti fondamentali, aventi copertura convenzionale (art. 8 CEDU). (altro…)

Permesso di soggiorno per coesione familiare, Consiglio di Stato sentenza n. 367 19 gennaio 2018 in materia di conversione del permesso di soggiorno per motivi di lavoro in permesso di soggiorno per motivi familiari: le condizioni di ammissibilità

Consiglio di Stato, sentenza n. 367 19 gennaio 2018, sulle condizioni per ottenere un permesso di soggiorno per “coesione familiare”:

Dall’esame dell’art. 30 comma 1, lett. c) del D.L.vo 286/1998, si ricava che la conversione del permesso di soggiorno per motivi di lavoro in permesso di soggiorno per motivi familiari, sia da considerare ammissibile solo nell’ipotesi in cui l’interessato è (altro…)

Permesso di soggiorno per minore età, Consiglio di Stato sentenza n. 6191 29 dicembre 2017: illegittimo il diniego della Questura basato sulla ritenuta maggior età del richiedente al momento del suo ingresso in Italia, se esistono seri elementi dai quali desumere che si trattava di minorenne

Consiglio di Stato sentenza n. 6191 29 dicembre 2017: 

E’ illegittimo il decreto di diniego dell’istanza di rilascio di permesso di soggiorno per minore età, adottato dalla Questura, sulla base della ritenuta maggior età del richiedente al momento del suo ingresso in Italia, in presenza di seri elementi dai quali desumere la minore età di quest’ultimo.

(altro…)

Termini rinnovo permesso di soggiorno, Consiglio di Stato sentenza n. 6026 22 dicembre 2017 sulla natura del termine previsto dall’art. 5 comma 4, d.lg. 25 luglio 1998, n. 286 per la presentazione dell’istanza

I termini relativi al rinnovo del permesso di soggiorno non hanno natura perentoria, bensì ordinatoria ed acceleratoria, rispondendo al fine di consentire il tempestivo disbrigo della relativa procedura ed evitare che lo straniero possa trovarsi in situazione di irregolarità rispetto alla normativa che ne consente il soggiorno in Italia; sicché non costituisce di per sé idonea ragione di diniego del rinnovo del permesso di soggiorno la presentazione della relativa istanza oltre il termine previsto dall’art. 5 comma 4, d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286. (altro…)

Permesso di soggiorno extracomunitari, Consiglio di Stato sentenza n. 5040 31 ottobre 2017: richiesta per lavoro subordinato in mancanza di reddito minimo, diniego illegittimo se Questura non ha valutato (ex art. 5 co. 9 d.lgs. 286 1998) possibilità rilascio per motivi familiari in caso di convivenza evidente e dichiarata dello straniero

Permesso di soggiorno extracomunitari, Consiglio di Stato sentenza n. 5040 31 ottobre 2017:

È illegittimo il decreto questorile che ha negato allo straniero extracomunitario il permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato a cagione della mancanza di un reddito minimo idoneo al suo sostentamento sul territorio nazionale, nella misura in cui, nonostante la sostanziale natura fittizia del rapporto di collaborazione domestica, ma a fronte di un rapporto di convivenza evidente e dichiarato, la Questura non ha valutato, ai sensi dell’art. 5, comma 9, del d. lgs. n. 286 del 1998, il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi familiari ai sensi dell’art. 30, comma 1, lett. b), del d. lgs. n. 286 del 1998, disposizione che, seppure introdotta per (altro…)

Rinnovo permesso di soggiorno per motivi familiari, CdS Sent n. 5032 31 ottobre 2017: necessaria la presentazione dello stato di famiglia (argomentato ex art 30 co. 1-bis d.lgs. 286 1998 e art 6 co.1 dPR 394 1999

Rinnovo permesso di soggiorno per motivi familiari (…La necessità della presentazione dello stato di famiglia deve porsi in relazione alla natura di permesso per motivi familiari del titolo di soggiorno di cui viene chiesto il rinnovo….)

Consiglio di Stato sentenza n. 5032 31 ottobre 2017:

Ai sensi dell’art. 30, comma 1-bis, del d.lgs. 286/1998, il permesso di soggiorno per motivi familiari che sia stato rilasciato allo straniero che abbia contratto matrimonio con straniero regolarmente soggiornante, “è immediatamente revocato qualora sia accertato che al matrimonio non è seguita l’effettiva convivenza salvo che dal matrimonio sia nata prole”. D’altra parte, l’art. 6, comma 1, del d.P.R. 394/1999, alla lettera d), ai fini del visto per ricongiungimento

(altro…)

Rinnovo permesso di soggiorno Italia: condanna reato art. 381 cpp non automaticamente ostativa

Rinnovo permesso di soggiorno Italia: La sentenza n. 172 del 6 luglio 2012 della Corte costituzionale, che ha dichiarato incostituzionale l’art. 1-ter comma 13 c) del D.L. 1 luglio 2009 n. 78, nella parte in cui fa derivare automaticamente il rigetto della istanza della regolarizzazione del lavoratore extracomunitario dalla condanna per uno dei reati previsti dall’art. 381 c.p.p., senza prevedere che l’Amministrazione (altro…)