Il reato transnazionale in Italia, definizione

Il reato transnazionale in Italia, definizione

Il reato transnazionale in Italia, definizione ex lege n. 146/2006 di ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite contro la criminalità organizzata transnazionale (Convenzione di Palermo)

LEGGE 16 marzo 2006, n. 146
Ratifica ed esecuzione della Convenzione e dei Protocolli delle Nazioni Unite contro il crimine organizzato transnazionale, adottati dall’Assemblea generale il 15 novembre 2000 ed il 31 maggio 2001.

Art. 3.
Definizione di reato transnazionale
1. Ai fini della presente legge si considera reato transnazionale il reato punito con la pena della reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni, qualora sia coinvolto un gruppo criminale organizzato, nonchè:
a) sia commesso in più di uno Stato;
b) ovvero sia commesso in uno Stato, ma una parte sostanziale della sua preparazione, pianificazione, direzione o controllo avvenga in un altro Stato;
c) ovvero sia commesso in uno Stato, ma in esso sia implicato un gruppo criminale organizzato impegnato in attività criminali in più di uno Stato;
d) ovvero sia commesso in uno Stato ma abbia effetti sostanziali in un altro Stato.

Precedente Ordinanza Veneto (Zaia): regole spostamenti, attività, commercio, mascherine, sport, attività motoria Successivo Pagamento Irap, imposta non dovuta, quando e come: limiti e condizioni – Art 24 Decreto legge n. 34/2020