Multa e ammenda: criteri per la determinazione dell’ammontare da parte del giudice – Art 133 bis c.p. (Aggiornato al 2020)

Art. 133-bis c.p.

(Condizioni economiche del reo; valutazione agli effetti della pena pecuniaria)

Nella determinazione dell’ammontare della multa o dell’ammenda il giudice deve tenere conto, oltre che dei criteri indicati dall’articolo precedente, anche delle condizioni economiche del reo.

Il giudice può aumentare la multa o l’ammenda stabilite dalla legge sino al triplo o diminuirle sino ad un terzo quando, per le condizioni economiche del reo, ritenga che la misura massima sia inefficace ovvero che la misura minima sia eccessivamente gravosa.

(Aggiornato al 2020)

Precedente Applicazione della pena da parte del giudice: gravità del reato e capacità a delinquere – Art 133 codice penale AGGIORNATO al 2020 Successivo Pagamento rateale della multa o dell'ammenda - Art 133 ter (Aggiornato al 2020)