Nomina a Prefetto, Tar Lazio sentenza n. 12630 22 dicembre 2017 su natura atti di nomina a Prefetto, motivazione degli stessi e requisiti personali e professionali in capo ai soggetti designati: si tratta di provvedimenti di alta amministrazione del Ministro che non necessitano di valutazione comparativa tra i curricula degli aspiranti alla qualifica

Tar Lazio sentenza n. 12630 22 dicembre 2017:

La nomina a prefetto non si configura come un procedimento di scrutinio comparativo ma come una scelta altamente discrezionale effettuata dal Ministro, sulla base dei curricula dei dirigenti in possesso dei requisiti di idoneità a rivestire la massima qualifica.

La carriera prefettizia nella normativa

Il decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, recante l’ordinamento del personale della carriera prefettizia, all’articolo 1 stabilisce che la carriera prefettizia è unitaria in ragione delle specifiche funzioni dirigenziali attribuite ai funzionari che ne fanno parte.

L’accesso e la progressione in carriera sono disciplinati dal decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, il cui art. 9 riguarda la nomina a prefetto, il cui conferimento deve avvenire con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio del Ministri, su proposta del Ministro dell’Interno, nei limiti delle disponibilità di organico e nel rispetto della riserva per il personale della carriera prefettizia prevista dall’articolo 236 del d.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3.

Tale norma prevede che “I posti di prefetto previsti in organico debbono essere coperti, per almeno tre quinti, dal personale amministrativo della carriera direttiva dell’amministrazione civile dell’interno”.

Con riguardo alle nomine a prefetto dei dirigenti di P.S., oggetto dell’odierno contenzioso, il comma 5 del predetto art. 9 stabilisce, poi, che restano ferme le disposizioni dell’articolo 42 della legge 1° aprile 1981 n. 121, il quale, per quanto di stretto interesse nella presente sede, prevede: al comma 1, che, nell’ambito della dotazione organica di cui alla tabella B allegata al decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, alla copertura fino al massimo di 17 posti di prefetto si provvede mediante nomina e inquadramento riservati ai dirigenti della Polizia di Stato che espletano funzioni di polizia; al comma 3 (come modificato dal comma 259 dell’art. 1 della legge 23 dicembre 2005, n. 266), che i dirigenti generali di Pubblica Sicurezza di livello B sono inquadrati nella qualifica di prefetto a norma del comma 1 nel termine non inferiore a tre anni dal conseguimento della qualifica, conservando a tutti gli effetti l’anzianità maturata anche nella qualifica di dirigente generale di pubblica sicurezza.

Successivamente, la legge 24 dicembre 2007, n. 244, all’art. 2, comma 93 (come modificato dalle lettere a) e b) del comma 6-septies dell’art. 2 del d.l. 29 dicembre 2010, n. 225), ha disposto che, ai fini dell’applicazione dell’articolo 42 della legge 10 aprile 1981, n. 121, e successive modificazioni, i dirigenti generali di pubblica sicurezza con almeno due anni di servizio nella qualifica possono essere nominati prefetto, nel numero massimo di 17 previsto dal comma 1 dell’art 42, conservando a tutti gli effetti l’anzianità maturata nella qualifica di dirigente generale.

 

La valutazione comparativa è da escludere per gli atti di nomina alle più altre cariche dirigenziali dell’Amministrazione dello Stato, quale è quella di prefetto, o alle alte cariche pubbliche, per le quali, sulla scorta di un’attenta e seria valutazione del possesso dei prescritti requisiti in capo al designando, la scelta cade sul soggetto ritenuto più adatto a ricoprire una certa carica in vista del rispetto di obiettivi essenzialmente programmatici; pertanto tali atti rientrano nel novero degli atti di alta amministrazione.

Gli atti di alta amministrazione, invero, svolgono un’opera di raccordo fra la funzione di governo e la funzione amministrativa e rappresentano il primo grado di attuazione dell’indirizzo politico nel campo amministrativo; essi costituiscono manifestazioni d’impulso all’adozione di atti amministrativi, funzionali all’attuazione dei fini della legge e sono pacificamente ritenuti soggetti al regime giuridico dei provvedimenti amministrativi che vede l’applicazione, in primo luogo, degli artt. 24, 97 e 113 della Costituzione, non potendo soffrire alcun vuoto di tutela giurisdizionale.

 

…Come lo stesso Consiglio di Stato ha in proposito affermato (parere della Sezione I, n. 201 del 17 gennaio 2011), “L’atto di nomina a prefetto, massimo grado raggiungibile nella carriera dell’Amministrazione civile dell’interno, non è configurabile come provvedimento di carattere strettamente organizzatorio, di talché l’esigenza di salvaguardia dell’imparzialità e della buona amministrazione, che in generale richiede un’adeguata motivazione, rimane soddisfatta dalla regola juris che impone all’autorità governativa competente alla designazione solamente di prendere in esame i curricula dei candidati volti ad evidenziare, ancorché per implicito, il possesso di idonei requisiti personali e professionali, senza previa individuazione degli elementi posti a base delle scelte né tantomeno la loro collocazione in un quadro di un giudizio di comparazione o di assolutezza (Consiglio Stato, sez. IV, 21 maggio 2001, n. 2810)”[…]

Tanto basta ad esonerare i provvedimenti di nomina dalla necessità della congrua motivazione sindacabile ad opera del giudice sotto il profilo della comparazione, laddove l’esigenza di imparzialità e di buona amministrazione rimane nel suo complesso soddisfatta dall’osservanza della regula juris che impone all’autorità governativa, competente alla designazione, di prendere in esame il curriculum del candidato, al fine di valutare la sintesi complessiva del suo modo di essere e di rappresentarsi durante la carriera, nell’ambito dell’attendibilità e della ragionevolezza della scelta operata”;

e siccome la scelta del Ministro non postula alcun confronto competitivo tra i diversi soggetti selezionati come idonei alla promozione, nel giudizio di legittimità della nomina in questione non possono trovare ingresso deduzioni o censure che presuppongano una valutazione comparativa tra i curricula del ricorrente e dei controinteressati (Cons. Stato, Sez. III, 10 luglio 2014, n. 4105), né tantomeno può rilevare che il curriculum del dott. Omissis sia migliore e da preferire rispetto a quello di qualsiasi altro soggetto scrutinato (Tar Lazio, Sez. I-ter, 19 aprile 2016 n. 7393).

Per le considerazioni svolte vanno disattese le doglianze afferenti gli aspetti sostanziali e di merito della selezione dei dirigenti da individuare ai fini della nomina a prefetto….

 

…Trattandosi, come sopra rilevato, di un atto di alta amministrazione, connotato da un carattere di elevatissima discrezionalità, la stessa nomina – e quindi, nel presente giudizio, la nomina dei dott.ri  Omissis e Omissis, odierni controinteressati – è sindacabile nei soli limiti della macroscopica irragionevolezza od illogicità manifesta (ex plurimis, Cons. Stato, Sez. IV, 10 gennaio 2002, n. 101; id., 26 settembre 2001, n. 5050); vizi che, a parere del Collegio, non inficiano le nomine in questione.

Con specifico riferimento, infine, alla nomina del dott. Omissis, deve essere disattesa – perché inconferente – anche la censura relativa al mancato possesso da parte dell’interessato del requisito di anzianità richiamato dall’art. 2, comma 93, della legge n. 244/2007, atteso che il citato requisito riguarda le ipotesi di nomine a prefetto ricomprese all’interno dell’aliquota dei 17 posti riservati alla dirigenza della Polizia di Stato (di cui all’art. 42 della legge n. 121/1981), e non anche, come per il soggetto in questione, le nomine a prefetto disposte nei limiti della disponibilità di organico di cui all’art. 9, comma 1, del D.lgs. n. 139/2000….

Vedi anche:

Amministrazione straordinaria del Prefetto, Cassazione penale Sentenza n. 51085 9 novembre 2017 

Limite età concorsi pubblici, dopo sentenza Salaberria CGUE

Concorso in polizia: ancora operanti i limiti di altezza

Conferimento incarico dirigenziale (e revoca), Sezioni Unite 

 

Tar Lazio sentenza n. 12630 22 dicembre 2017

L’oggetto  del giudizio

“per l’annullamento

previa sospensione dell’esecuzione,

-della nomina a prefetto del Dott. Omissis, deliberata dal Consiglio dei Ministri in data 29 aprile 2016 […]

-della delibera del Consiglio dei Ministri con cui in data 29 aprile 2016 è stato nominato prefetto il Dirigente Generale di Pubblica Sicurezza Dott. Omissis, comprensiva di allegati – se ed ove esistenti; […] ”

Il fatto e le contestazioni

“Il dott. Omissis, odierno esponente, premette di essere entrato a far parte della Pubblica Sicurezza nel 1973 e, da allora, di avere intrapreso una brillante e rapida carriera. Nominato Dirigente Generale nel 2011, dopo aver svolto l’incarico di Direttore dell’Ispettorato P.S. Viminale, il 1° settembre 2014 ha assunto l’incarico di Direttore dell’Ufficio Centrale Ispettivo.

Tanto precisato, in merito all’odierno contenzioso rappresenta che, conformemente al Comunicato Stampa n. 115 del 29 aprile 2016 e del relativo allegato 1 (il c.d. “Movimento di Prefetti”), il Consiglio dei Ministri deliberava la nomina a Prefetto di quattro Dirigenti Generali della Pubblica Sicurezza, tra cui i dott.ri Omissis e Omissis, odierni controinteressati, collocati nel Ruolo dei Funzionari della Polizia di Stato del 14.12.2015, così come in quello aggiornato al 1°.1.2016, in posizione successiva (vale a dire, 15^ e 16^) rispetto a quella dell’odierno esponente (3^), il quale veniva, tuttavia, illegittimamente escluso.

A seguito di ciò, il Presidente della Repubblica, con proprio decreto, definitivamente disponeva la nomina dei Prefetti, tra i quali non figurava, dunque, il dott. Omissis.

2. Con il ricorso in epigrafe l’odierno esponente impugna gli atti di nomina a prefetto dei suddetti controinteressati insieme a tutti gli atti del relativo procedimento, deducendone l’illegittimità, e ne chiede l’annullamento; afferma di avere interesse ad impugnare i succitati provvedimenti, in quanto in possesso di tutti i requisiti richiesti dalla legge per la nomina a prefetto, potendo usufruire della riserva di posti prevista – nel numero massimo di 17 – dall’art. 2, comma 93, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per i dirigenti generali di pubblica sicurezza con almeno due anni di servizio nella qualifica.

3. Il ricorrente affida il gravame ad un unico, articolato motivo:

Violazione e/o falsa applicazione: del d.lgs. 19/05/2000, n. 139; dell’art. 236 del d.P.R 10/01/1957, n. 3; dell’art. 42 della legge l° aprile 1981, n. 121 e successive modificazioni; degli artt. 1 e 3 della legge n. 241 del 1990, nonché del principio del giusto procedimento, dei principi di correttezza e buona fede, dell’art. 97 Cost. Difetto di istruttoria. Eccesso di potere sotto plurimi profili, tra cui, per difetto di motivazione, errore nei presupposti, illogicità manifesta, irragionevolezza, disparità di trattamento (art. 3 Cost.), violazione del legittimo affidamento.

La scelta del Ministro dell’Interno dei dirigenti per la nomina a prefetto presupporrebbe una previa valutazione comparativa dei candidati idonei, sulla base delle schede valutative, delle esperienze professionali maturate e dell’intero servizio prestato; tuttavia, la nomina a prefetto dei Dirigenti Generali di Pubblica Sicurezza dott.ri Omissis e Omissis sarebbe avvenuta senza la predetta valutazione, poiché non sarebbero state considerate le posizioni degli altri candidati idonei né evidenziate in concreto le doti dei nominati rispetto alle funzioni da svolgere.

Non si comprenderebbe come l’Amministrazione competente abbia potuto valutare preminenti i requisiti di attitudine e capacità dei nominati rispetto a quelli dei candidati idonei non prescelti.

Gli atti di nomina alle più alte cariche dello Stato (nella specie, nomina a prefetto) sarebbero ordinari provvedimenti amministrativi, sia pure connotati da un tasso particolarmente alto di discrezionalità e non sottratti al principio di legalità e al sindacato del giudice amministrativo, come affermato dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato (Sez. IV, 28 dicembre 2000, n. 7048).

Nello specifico, le nomine contestate sarebbero viziate da profili di illogicità e di eccesso di potere per mancanza di istruttoria, disparità di trattamento ed irragionevolezza, e tanto in relazione, sia ad una maggiore anzianità di servizio del Omissis (dirigente generale di pubblica sicurezza con decorrenza dal 29.8.2011) rispetto ai dott.ri Omissis e Omissis (rispettivamente, dal 23.10.2014 e dal 17.12.2013), sia agli incarichi svolti e agli elogi conseguiti dal ricorrente.

Per il dott. Omissis non sarebbe trascorso nemmeno il periodo minimo di due anni prescritto come requisito di anzianità all’art. 2, comma 93, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per i dirigenti generali di pubblica sicurezza.

4. Nel presente giudizio si è costituita la difesa erariale, in rappresentanza e difesa della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dell’Interno e della Presidenza della Repubblica, che ha instato per il rigetto del gravame nel merito; in via preliminare, ha chiesto procedersi all’integrazione del contraddittorio ai sensi dell’art. 49 c.p.a., mediante notifica del ricorso anche agli altri soggetti nominati prefetto nella delibera del Consiglio dei Ministri del 29 aprile 2016, nella qualità di controinteressati nel presente giudizio.

5. Nelle more del giudizio il ricorrente, a seguito di successiva ostensione, da parte dell’Amministrazione, di ulteriori specifici documenti della contestata procedura sfociata nelle nomine del 2016, ha proposto motivi aggiunti, notificati 1’11 ottobre 2016, insistendo per l’annullamento, previa misura cautelare, delle predette nomine e dei relativi atti. In particolare, nel riprodurre le censure svolte con il ricorso introduttivo, ha ulteriormente lamentato che tra gli atti forniti dall’Amministrazione non risulterebbe la delibera del Consiglio dei Ministri del 29 aprile 2016, bensì una mera attestazione di movimento di prefetti ad opera del Segretario del Consiglio dei Ministri, e che dall’accesso agli atti si evincerebbe che il suo nominativo non sarebbe stato neppure preso in considerazione ai fini della nomina a prefetto.”

 

Precedente Classificazione dei farmaci, Consiglio di Stato sentenza 6039 22 dicembre 2017: quella di cui all’art 8 della L. 24 dicembre 1993, n. 537 viene in rilievo ai soli fini della loro diretta rimborsabilità | Aggiudicazione procedura per la fornitura di farmaci basata su clausola di preferenza per farmaci H e A rispetto a quelli di fascia C: va annullata Successivo Gare telematiche pubblica amministrazione, Tar Lazio sentenza n. 12601 22 dicembre 2017 in materia di gara telematica e principio della pubblicità delle sedute: non occorre una seduta pubblica per l’apertura delle offerte