Notificazione ai sensi della legge n 53 del 1994

Notificazione ai sensi della legge n 53 del 1994 e avvocato non cassazionista: Consiglio di Stato sentenza n. 2695 5 giugno 2017

L’investitura di un avvocato non cassazionista non legittima il procuratore ad alcun atto difensivo nel giudizio innanzi al Consiglio di Stato, ivi compreso l’atto di impulso processuale dato dalla notifica di cui all’art. 1 della legge 21-1-1994, n. 53 (ai sensi del quale l’avvocato, munito di procura alle liti a norma dell’art. 83 del codice di procedura civile e dell’autorizzazione del consiglio dell’ordine nel cui albo è iscritto, può eseguire la notificazione di atti in materia civile, amministrativa e stragiudiziale, a mezzo del servizio postale, secondo le modalità previste dalla legge 20 novembre 1982, n. 890, ovvero a mezzo di posta elettronica certificata)

Non assume rilievo, in senso contrario, la circostanza che la procura alle liti sia stata conferita anche ad un avvocato iscritto all’albo dei cassazionisti in quanto l’indirizzo ermeneutico che, in ossequio al principio di conservazione degli atti processuali, considera valido il ricorso sottoscritto in via congiunta da legale privo dello ius postulandi e da difensore all’uopo abilitato, non è estensibile al diverso caso della notifica effettuata, in via esclusiva, dal difensore che non ha titolo a figurare nel mandato processuale.

L’effettuazione della notifica da parte di legale non munito di valida procura alle liti, come tale non abilitato al compimento di atto di impulso processuale, è da ritenere inesistente anziché nulla, con conseguente impossibilità di applicare l’istituto della sanatoria per raggiungimento dello scopo, prevista , per i soli casi di nullità, dall’art. 156 del codice di rito civile.

In tema di notificazione ai sensi della legge n 53 del 1994 vedi anche:

Consiglio di Stato sentenza n. 189 20 gennaio 2016

Vedi anche:

Nullità notifica

Notifica tramite pec: prova in giudizio

Raccomandata atti giudiziari (notifica a mezzo posta): mancato deposito ricevuta di spedizione non rende l’appello inammissibile

Notifica Equitalia a mezzo posta, validità

PAT processo amministrativo telematico, costituzione in giudizio

Processo telematico entrata in vigore 1 gennaio 2017, rimessione in termini

Opposizione a decreto di perenzione: validità legale del fax ai fini di cui all’art. 9 l. 205 2000

Processo tributario telematico Lazio

Notifica a mezzo pec

Notifica a mezzo pec, contenzioso tributario

Pronunce maggio 2017:

Piccoli abusi edilizi, sanzioni

Servizio trasporto pubblico, gare: Regolamento 1370 2007

Ricorso concorso medicina generale, ammissione con riserva di altri soggetti, estensione provvedimento cautelare

Prodotti medici : certificazione ce dispositivi medici

Termine ricorso Tar appalti

Presentazione liste comunali 2017, ricusazione

Intermediazione finanziaria abusiva, art 132 Tub

Tenuità del fatto 131 bis cp: si applica davanti al giudice di pace?

Richiesta di accesso agli atti negli appalti pubblici secretati

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, costi di costruzione, scomputo oneri di urbanizzazione

Sentenze mobbing: requisiti mobbing

Divieto cani: illegittimo il divieto di accesso ai cani nei parchi pubblici

Ricorso Consiglio di Stato, appello: i principi da seguire

Sponsorizzazione sportiva e definizione “insegna di esercizio”

Adozione Prg, osservazioni proprietari interessati, discrezionalità Comune, motivazione

Ztl Roma, ztl centro storico Roma: legittima la nuova disciplina

Consiglio di Stato sentenza n. 2695 5 giugno 2017

[…]

FATTO e DIRITTO

Con sentenza n. 4771/2016 del 26-4-2016 , resa in sede di esecuzione del giudicato formatosi sulla sentenza n. 3010/2013, il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater), accoglieva il ricorso proposto dai signori Omissis e Omissis ed ordinava all’Amministrazione comunale di Albano Laziale di provvedere a porre in essere tutte le misure demolitorie o di rimessione in pristino, relativamente agli specifici abusi di cui alle lettere a), b) e c) dell’ordinanza di demolizione del 21 gennaio 2010, nominando un Commissario ad Acta, per il caso di perdurante inerzia del Comune.

Avverso la prefata sentenza hanno proposto appello dinanzi a questo Consiglio di Stato la Omissis s.a.s. di Omissis & C. ed il signor Omissis, deducendone l’erroneità e chiedendone la riforma.

Hanno dedotto che le opere realizzate non erano affatto abusive e che le difformità riscontrate nella esecuzione del manufatto risultavano sanate tramite l’ottenimento prima dalla Regione Lazio di un nulla osta paesistico (determinazione n. A9210 del 23-9-2011) e poi di un pedissequo permesso di costruire in sanatoria del Comune di Albano Laziale (n. 84/05- E).

La impugnata pronuncia avrebbe omesso di considerare che l’immobile era pienamente conforme ai titoli abilitativi rilasciati e che le varianti apportate erano state sanate.

La mancanza di abusi edilizi e la riconduzione delle varianti ai titoli abilitativi ottenuti in sanatoria risultano, poi, confermate dal Dirigente dell’area tecnica del Comune, escusso nel procedimento penale instauratosi dinanzi al Tribunale di Velletri, in data successiva a quella di udienza dinanzi al TAR e a quella di deposito della sentenza gravata, nonché dalla Regione Lazio con nota n. 506229 del 22-2-2016, come da documentazione depositata in sede di appello.

La sentenza del giudice di prime cure sarebbe, pertanto, erronea, atteso che nessuna elusione o violazione del giudicato è imputabile al Comune , il quale ha adottato ogni provvedimento opportuno sulla scorta dell’istruttoria compiuta.

Il Tribunale amministrativo, disattendendo le finalità cui il proprio giudizio è teso, avrebbe omesso di compiere una puntuale verifica dell’esatto obbligo di conformarsi al giudicato da parte dell’Amministrazione, ignorando le difese spiegate.

Si sono costituiti in giudizio i signori Omissis e Omissis, deducendo l’irricevibilità e l’inammissibilità dell’appello e, comunque, la sua infondatezza nel merito.

Le parti hanno depositato memorie.

La causa è stata discussa e trattenuta per la decisione alla camera di consiglio del 25 maggio 2017.

In diritto, ritiene la Sezione, conformemente ad eccezione sollevata dagli appellati, che il presente appello sia irricevibile, a cagione dell’avvenuta notificazione dello stesso da parte di procuratore non abilitato al patrocinio presso le giurisdizioni superiori.

Questo Consiglio ( sez. V, 22-3-2012, n. 1631; V, 28-7-2014, n. 4005), con orientamento che la Sezione condivide ha, invero, avuto modo di affermare quanto segue:

“ Rilevato, in punto di fatto, che la notifica è stata effettuata per via postale, ai sensi dell’art. 1 della legge 21-1-1994, n. 53, da parte di legale che non risulta essere iscritto all’albo degli avvocati cassazionisti;

Ritenuto, in punto di diritto, che:

ai sensi dell’art. 1 della legge n. 53/94 cit., l’avvocato, munito di procura alle liti a norma dell’art. 83 del codice di procedura civile e dell’autorizzazione del consiglio dell’ordine nel cui albo è iscritto, può eseguire la notificazione di atti in materia civile, amministrativa e stragiudiziale, a mezzo del servizio postale, secondo le modalità previste dalla legge 20 novembre 1982, n. 890, ovvero a mezzo di posta elettronica certificata;

nella specie fa difetto il presupposto di una valida ed efficacia procura alle liti in quanto l’investitura di un avvocato non cassazionista non legittima il procuratore ad alcun atto difensivo nel giudizio innanzi al Consiglio di Stato, ivi compreso l’atto di impulso processuale dato dalla notifica di cui alla norma in parola;

non assume rilievo, in senso contrario, la circostanza che la procura alle liti sia stata conferita anche ad un avvocato iscritto all’albo dei cassazionisti in quanto l’indirizzo ermeneutico che, in ossequio al principio di conservazione degli atti processuali, considera valido il ricorso sottoscritto in via congiunta da legale privo dello ius postulandi e da difensore all’uopo abilitato, non è estensibile al diverso caso della notifica effettuata, in via esclusiva, dal difensore che non ha titolo a figurare nel mandato processuale;

ad avviso di condivisibile indirizzo interpretativo, l’effettuazione della notifica da parte di legale non munito di valida procura alle liti, come tale non abilitato al compimento di atto di impulso processuale, è da ritenere inesistente anziché nulla, con conseguente impossibilità di applicare l’istituto della sanatoria per raggiungimento dello scopo, prevista , per i soli casi di nullità, dall’art. 156 del codice di rito civile ( cfr. Cass. Civile, sez. I, 13 giugno 2000, n. 8041; sez. III, 11 giugno 2008, n. 15478)”.

Ciò posto, rileva il Collegio che la notificazione del presente appello è avvenuta, a mezzo del servizio postale, da parte dell’avv. Omissis in data 26-7-2016.

Orbene, risulta che a tale data l’avvocato Omissis non era iscritto all’albo dei cassazionisti, risultando tale iscrizione avvenuta in epoca successiva, in data 28-4-2017.

Da quanto sopra, attesa l’inesistenza della notifica effettuata e conformemente alla citata preclusione in rito affermata dalla giurisprudenza sopra richiamata, l’appello deve essere dichiarato irricevibile.

Tanto impedisce al Collegio l’esame del merito del gravame.

La peculiarità fattuale dell’oggetto del giudizio giustifica la compensazione delle spese relative al presente grado di giudizio.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta), definitivamente pronunciando sull’appello, come in epigrafe proposto, lo dichiara irricevibile.

Spese del grado compensate.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 25 maggio 2017 […]

 

Precedente Giudici onorari e giustizia lenta | sanzioni disciplinari magistrati Successivo Polis istanze on line concorso Scuola Secondaria di primo grado