Crea sito

Ordinanza demolizione, motivazione

Ordinanza demolizione, motivazione

Ordinanza demolizione, motivazione: sufficiente il richiamo al carattere abusivo dell’opera realizzata

Sentenza Tar Sicilia n. 942 4 maggio 2020
[…] per giurisprudenza consolidata (cfr, Consiglio di Stato, Ad. Plen. 17 ottobre 2017, n. 9) l’ordinanza di demolizione del manufatto edilizio abusivo, anche se emessa a lunga distanza di tempo dalla realizzazione dell’opera, va motivata esclusivamente con il richiamo al carattere abusivo dell’opera realizzata, atteso che il lungo periodo di tempo, intercorrente tra la realizzazione dell’opera abusiva ed il provvedimento sanzionatorio, è circostanza che non rileva ai fini della legittimità di quest’ultimo, sia in rapporto al preteso affidamento circa la legittimità dell’opera (non essendo configurabile alcun “affidamento” degno di tutela sa fronte di una situazione di fatto abusiva), sia in relazione alla sussistenza in capo all’Amministrazione procedente di un ipotizzato ulteriore obbligo di motivazione “rafforzato”, giacché la lunga durata nel tempo dell’opera priva del necessario titolo edilizio ne rafforza il carattere abusivo (cfr. anche Cons. Stato, sez. III, 27 marzo 2017, n. 1386).
E’, inoltre, infondato anche l’ulteriore profilo di censura concernente il presunto difetto di motivazione poiché l’ordinanza impugnata risulta adeguatamente motivata con l’indicazione delle opere realizzate in assenza di alcun titolo edilizio, in violazione dei sigilli trattandosi di opere già sottoposte a sequestro in data 20 dicembre 2004. (v. giurisprudenza consolidata sul carattere vincolato dell’ordine di demolizione emanato in mera dipendenza dall’accertamento di un abuso edilizio che non richiede una particolare motivazione, essendo sufficiente la mera rappresentazione delle opere abusive, cfr, tra le tante, Cons. Stato Sez. IV,1 agosto 2017,n. 3840; […]