PAT processo amministrativo telematico, costituzione in giudizio

PAT processo amministrativo telematico, atto di costituzione in giudizio non conforme al modello stabilito dalla legge, mancanza firma digitale: nullità.

In applicazione della disciplina del processo amministrativo telematico l’atto di costituzione in giudizio non è conforme al modello stabilito dalla legge qualora: (a) sia stata depositata copia digitale per immagini di un atto di costituzione cartaceo, in violazione dell’art. 136, comma 2-bis c.p.a. e dell’art. 9, comma 1 d.m. 16 febbraio 2016, n. 40, che prescrivono che gli atti delle parti siano redatti in formato di documento informatico sottoscritto con firma digitale; (b) sia stata depositata copia digitale per immagini della procura conferita dal Presidente della Regione, senza attestarne la conformità all’originale ai sensi dell’art. 136, comma 2-ter c.p.a. e dell’art. 8, comma 2 d.m. 16 febbraio 2016, n. 40.

Tale atto di costituzione è nullo poiché manca dei requisiti formali indispensabili per il raggiungimento dello scopo (art. 156, comma II c.p.c.), in quanto: a) la mancanza della firma digitale apposta sull’atto di costituzione impedisce di verificarne la paternità, e cioè che esso provenga dal difensore che ne appare l’autore (cfr. anche l’art. 44, comma 1 c.p.a. con riferimento al ricorso); b) non è possibile, in mancanza della prescritta attestazione, ritenere la conformità all’originale della copia digitale della procura prodotta.

Vedi anche:

Processo tributario telematico Lazio

Notifica a mezzo pec

Notifica a mezzo pec, contenzioso tributario

Altre sentenze amministrative:

Processo amministrativo, notifica appello dopo un anno da pubblicazione sentenza: si applica l’art. 330 cpc terzo comma

Notifica atto, rifiuto ricezione presso propria sede legale non giustificato

Mancata notifica appello presso Avvocatura generale dello Stato, nullità: sanatoria con costituzione in giudizio PA

Nullità non sanabile della notifica

Notificazione sentenza, consegna plico raccomandato, atto pubblico: onere prova mancata ricezione in capo a destinatario

Inammissibilità del ricorso per tardività della notifica, causa non imputabile, adempimenti e termini da rispettare

Mancata notifica controinteressati e inammissibilità ricorso

Notificazione imputato all’estero, obbligo raccomandata solo per prima notifica

Notifica a mezzo posta in Stato Ue, ritualità

Omessa notifica, accoglimento ricorso, obbligo integrazione contraddittorio

INPS, ricorso atti Comitato amministratore gestione prestazioni temporanee: notifica presso sede legale in Roma

Sentenza notificata priva della formula esecutiva, ricorso per l’ottemperanza inammissibile

Rinnovazione atto amministrativo, ius superveniens, limite notificazione sentenza passata in giudicato

Gare telematiche e termine presentazione offerta

Altre Tar Calabria:

Gestione aeroporto di Reggio Calabria e di Crotone, gara per l’affidamento

Art 80 dlgs 50 2016, giurisprudenza

Anomalia offerta e nuovo Codice Contratti Pubblici

 

Tar Calabria ordinanza cautelare n. 33 26 gennaio 2017

[…]

Rilevato che il ricorso è stato depositato l’11 gennaio 2017 e pertanto esso è sottoposto alla disciplina del processo amministrativo telematico;

Ritenuto, alla stregua di tale elemento temporale, che la costituzione della Regione Calabria non sia conforme al modello stabilito dalla legge, in quanto tale amministrazione:

a) ha depositato copia digitale per immagini di un atto di costituzione cartaceo, in violazione dell’art. 136, comma 2-bis c.p.a. e dell’art. 9, comma 1 d.m. 16 febbraio 2016, n. 40, che prescrivono che gli atti delle parti siano redatti in formato di documento informatico sottoscritto con firma digitale;

b) ha depositato copia digitale per immagini della procura conferita dal Presidente della Regione, senza attestarne la conformità all’originale ai sensi dell’art. 136, comma 2-ter c.p.a. e dell’art. 8, comma 2 d.m. 16 febbraio 2016, n. 40;

Ritenuto che nel caso di specie l’atto di costituzione manchi dei requisiti formali indispensabili per il raggiungimento dello scopo (art. 156, comma II c.p.c.), in quanto:

a) la mancanza della firma digitale apposta sull’atto di costituzione impedisce di verificarne la paternità, e cioè che esso provenga dal difensore che ne appare l’autore (cfr. anche l’art. 44, comma 1 c.p.a. con riferimento al ricorso);

b) non è possibile, in mancanza della prescritta attestazione, ritenere la conformità all’originale della copia digitale della procura prodotta;

Ritenuto, pertanto, che la costituzione sia nulla;

Ritenuto, alla cognizione sommaria tipica della presente fase cautelare, che il ricorso sia suscettibile di prognosi favorevole, in quanto la mancata corrispondenza tra quota di esecuzione e quota di qualificazione per il geologo e il professionista con comprovata esperienza nel campo degli impianti elettrici e dell’automazione non appare essere causa di esclusione del concorrente;

Ritenuto, pertanto, che i provvedimenti impugnati debbano essere sospesi, siccome richiesto dalla parte ricorrente in via cautelare;

Ritenuto, nondimeno, che le spese della presente fase cautelare possano essere compensate;

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria (Sezione Prima):

a) accoglie l’istanza di tutela cautelare e, per l’effetto, sospende i provvedimenti impugnati.

b) fissa per la discussione nel merito del ricorso l’udienza pubblica del 10 maggio 2017;

c) compensa le spese della presente fase di giudizio.

La presente ordinanza sarà eseguita dall’amministrazione ed è depositata presso la Segreteria del Tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Catanzaro nella camera di consiglio del giorno 25 gennaio 2017 […]

 

Precedente Rinnovo permesso di soggiorno Italia: condanna reato art. 381 cpp non automaticamente ostativa Successivo Appello al Consiglio di Stato inammissibile per mancanza di specificità dei motivi