Presentazione liste comunali 2017, ricusazione

Presentazione liste comunali 2017: Nel procedimento di ammissione alle elezioni, caratterizzato da un particolare rigore formale a garanzia della certezza della competizione e della par condicio dei concorrenti, e in particolare nella fase di autentica delle firme di presentazione delle liste, le dichiarazioni postume dei sottoscrittori, ancorché valutabili dal giudice, non sono sufficienti a sanare gravi incongruenze della documentazione esaminata dalla Commissione elettorale, che costituisce ciò che “direttamente” (assai più degli enunciati dichiarativi) manifesta la realtà fattuale.

…I rilievi formulati dalla Commissione sui moduli sottoscritti dai presentatori dimostrano che non vi è certezza che essi sapessero quale era il candidato sindaco….

 

La questione esaminata dal Collegio:

…Con ricorso proposto dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria del Piemonte Omissis, delegato della lista “Omissis”, domandava l’annullamento del verbale n. 14 del 14 maggio 2017 della Commissione Elettorale di Casale Monferrato, con il quale è stata ricusata la candidatura a Sindaco di Frassineto Po di Omissis nonché della lista “Omissis” per le elezioni relative al rinnovo del Consiglio Comunale di Frassineto Po e all’elezione diretta del Sindaco, che avrà luogo il giorno 11 giugno 2017….

…Il Tar ha ritenuto che le plurime cancellazioni e correzioni aventi ad oggetto il nome del candidato Sindaco e la sezione dei candidati al Consiglio avevano generato un’incertezza insanabile nelle dichiarazioni. Quindi, in applicazione del principio secondo cui la ratio della normativa che prescrive l’autentica delle firme di presentazione delle liste è innanzitutto quella di assicurare la piena consapevolezza dei sottoscrittori in ordine ai candidati cui si riferisce l’atto (cfr. Cons. Stato, sez. V, n. 5011/2005), ha respinto il ricorso, senza attribuire rilievo decisivo alla data della dichiarazione di accettazione della candidatura da parte di Omissis, considerato solo un ulteriore indizio dell’incertezza del contenuto delle dichiarazioni di presentazione.

Appella l’interessato, rilevando che il Tar ha omesso di considerare la seguente produzione documentale:

“Dichiarazione

I sottoscritti, nella loro qualità di presentatori = sottoscrittori della lista contrassegnata da “Cerchio contenente nell’emisfero superiore sfumature di colore celeste e arancione rappresentante un sole nascente dal cui interno si irradia una luce più vivida e nell’emisfero inferiore vi è la scritta in colore bianco “Omissis “su sfondo blu” presentata per l’elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale di Frassineto Po in data 14/5/2017 presso la Segreteria Comunale di Frassineto Po

Dichiarano

che i moduli utilizzati per l’autentica della firma da parte del Funzionario incaricato dal Comune di Frassineto Po risultavano corretti quanto alla candidatura a Sindaco di uno dei candidati consigliere comunale e quindi portavano come candidati

alla carica di sindaco

OMISSIS nato a Frassineto Po il 07/06/1975

Candidati Consiglieri

1) OMISSIS nato a Casale Monf. il 22/05/1976

OMISSIS  nato a Frassineto Po il 31/05/1962

OMISSIS nato a Casale Monf. il 24/03/1970

OMISSIS nato a Chivasso il 22/12/1963

OMISSIS nato a Vercelli il 06/06/1977

OMISSIS nata a Alessandria il 10/11/1983

OMISSIS nato a Avellino il 21/02/1962

OMISSIS nata a Casale Monf. il 06/04/1970

In fede

Frassineto Po 17/5/2017”.

Il documento, firmato da 23 persone ed accompagnato dalle carte di identità dei sottoscrittori, presenterebbe le caratteristiche ed i requisiti di un atto di autocertificazione.

Avendo in materia giurisdizione di merito, il giudice amministrativo avrebbe potuto e dovuto esaminare direttamente la realtà fattuale, valutando sulla base della predetta dichiarazione se una correzione la cui esistenza è risultata essere nota ai sottoscrittori al momento della loro firma di presentazione, fosse idonea o meno a garantire la conoscenza delle candidature da parte dei presentatori….

Vedi anche:

Elezioni, irregolarità, principio di specificazione dei motivi

Elezioni, ellisse su spazio preferenza anziché croce su simbolo: scheda valida

Elezioni rinnovo Ordine Nazionale dei Biologi, voto per corrispondenza, illegittima l’autocertificazione: annullamento

Elezioni, parità di genere non è parità di rappresentanza dei due sessi

Altri provvedimenti maggio 2017:

Intermediazione finanziaria abusiva, art 132 Tub

Tenuità del fatto 131 bis cp: si applica davanti al giudice di pace?

Richiesta di accesso agli atti negli appalti pubblici secretati

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, costi di costruzione, scomputo oneri di urbanizzazione

Sentenze mobbing: requisiti mobbing

Divieto cani: illegittimo il divieto di accesso ai cani nei parchi pubblici

Ricorso Consiglio di Stato, appello: i principi da seguire

Sponsorizzazione sportiva e definizione “insegna di esercizio”

Adozione Prg, osservazioni proprietari interessati, discrezionalità Comune, motivazione

Ztl Roma, ztl centro storico Roma: legittima la nuova disciplina

Consiglio di Stato sentenza n. 2474 25 maggio 2017

[…]

FATTO

1. Con ricorso proposto dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria del Piemonte Omissis, delegato della lista “Omissis”, domandava l’annullamento del verbale n. 14 del 14 maggio 2017 della Commissione Elettorale di Casale Monferrato, con il quale è stata ricusata la candidatura a Sindaco di Frassineto Po di Omissis nonché della lista “Omissis” per le elezioni relative al rinnovo del Consiglio Comunale di Frassineto Po e all’elezione diretta del Sindaco, che avrà luogo il giorno 11 giugno 2017.

A fondamento del ricorso deduceva l’erroneità della decisione della Commissione, essendo chiara la volontà dei sottoscrittori.

Con sentenza n. 3778/2017 il TAR rigettava il ricorso.

2. La sentenza è stata appellata da Omissis, che contrasta le argomentazioni del giudice di Omissis grado.

Si sono costituiti per resistere all’appello del Ministero dell’Interno e dell’Ufficio Territoriale del Governo di Alessandria.

La causa è passata in decisione alla pubblica udienza speciale elettorale del 25 maggio 2017.

DIRITTO

1. Il provvedimento impugnato reca la seguente motivazione:

«Per quanto concerne le dichiarazioni di presentazione della candidatura del sindaco e dei consiglieri comunali della lista in questione, costituita da n° 1 atto principale e da n° 26 atti separati, sottoscritti da altrettanti elettori nel periodo dall’8 all’11 maggio 2017, le cui sottoscrizioni sono state tutte autenticate (…) dalla Sig.ra Omissis, funzionario incaricato dipendente del Comune di Frassineto Po (AL), la Commissione, dopo aver preso atto che gli stessi hanno regolare certificato di iscrizione nelle liste elettorali, rileva quanto segue.

Gli atti separati nn° 2, 5, 11, 15, 17, 18, 19, 21 e 25, per un totale di 9 atti, le cui sottoscrizioni sono state autenticate tutte in data 8.5.2017, presentano le seguenti correzioni: indicazione nella prima pagina, quale candidato Sindaco, con caratteri stampati, della Sig.ra Omissis, nata ad Alessandria il 10.11.1983. Il nominativo in questione risulta contornato con un riquadro accanto al quale è presente l’indicazione 1/1. Accanto a detta indicazione, a penna, risulta apposta, a mano, la scritta “del Sig. OMISSIS nato a Frassineto Po il 07/06/1975”; indicazione nella prima pagina, nell’elenco dei candidati alla carica di consigliere comunale, tra le righe nn° 2 e 3, senza numero, del Sig. Omissis, nato a Frassineto Po il 7.6.1975. Il nominativo in questione risulta contornato con un riquadro accanto al quale è presente l’indicazione 2/2; indicazione nella seconda pagina, prima del riquadro nel quale devono essere indicati a dati anagrafici del sottoscrittore della lista e lo spazio per la firma, della scritta effettuata a mano: “1/1 – delle dodici parole da “della” a “1983” 2/2 – delle sette parole da “Francesco” a “1975” si approvano le due modifiche con diciannove parole cancellate”. Tutte le correzioni in questione risultano chiaramente ed evidentemente apposte dalla medesima persona, in quanto effettuate con la stessa grafia.

Gli atti separati nn° 1, 3, 6, 7, 12, 13, 14, 16 e 26, per un totale di 9 atti, le cui sottoscrizioni sono state autenticate tutte in data 9.5.2017, presentano le stesse correzioni sopra indicate, che ad ogni modo di seguito si riportano (…). Anche queste correzioni risultano chiaramente ed evidentemente apposte dalla medesima persona di cui al punto n° 1, in quanto effettuate con la stessa grafia.

(…) Gli atti separati nn° 9, 10, 20 e 23, per un totale di 4 atti, le cui sottoscrizioni sono state autenticate tutte in data 10.5.2017, presentano le stesse correzioni già in precedenza indicate, e che di seguito ancora una volta si trascrivono: (…). Pure tali correzioni risultano chiaramente ed evidentemente apposte dalla medesima persona di cui ai punti nn° 1 e 2, in quanto effettuate con la stessa grafia.

Anche l’atto separato n° 4, la cui sottoscrizione è stata autenticata in data 11.5.2017, presenta le stesse correzioni, ed anche esse sono in tutta evidenza state apposte dalla medesima persona di cui ai punti nn° 1, 2 e 3, in quanto effettuate con la stessa grafia.

Allo scopo di verificare se le correzioni in questione fossero già presenti al momento dell’autentica delle firme dei vari sottoscrittori, la Commissione ha ritenuto di sentire direttamente e personalmente il funzionario autore delle suddette autentiche, la quale ha dichiarato di non ricordare se le correzioni in questione fossero già presenti al momento dell’autentica delle sottoscrizioni da lei effettuate in calce agli separati sopra indicati.

La Commissione rileva altresì che la dichiarazione di accettazione della candidatura alla carica di sindaco del Sig. Omissis (…), momento logicamente precedente a quello della presentazione della candidatura medesima, è stata effettuata dopo che 18 sottoscrittori avevano già presentato la sua candidatura.

In senso più generale, la commissione prende atto che non è in alcun modo possibile risalire all’identità della persona che ha effettuato tutte le correzioni sopra riportate, atteso che le stesse non presentano alcuna sigla, né sottoscrizione, né qualsivoglia altro elemento utile ad individuarne l’autore».

Il Tar ha ritenuto che le plurime cancellazioni e correzioni aventi ad oggetto il nome del candidato Sindaco e la sezione dei candidati al Consiglio avevano generato un’incertezza insanabile nelle dichiarazioni. Quindi, in applicazione del principio secondo cui la ratio della normativa che prescrive l’autentica delle firme di presentazione delle liste è innanzitutto quella di assicurare la piena consapevolezza dei sottoscrittori in ordine ai candidati cui si riferisce l’atto (cfr. Cons. Stato, sez. V, n. 5011/2005), ha respinto il ricorso, senza attribuire rilievo decisivo alla data della dichiarazione di accettazione della candidatura da parte di Omissis, considerato solo un ulteriore indizio dell’incertezza del contenuto delle dichiarazioni di presentazione.

Appella l’interessato, rilevando che il Tar ha omesso di considerare la seguente produzione documentale:

“Dichiarazione

I sottoscritti, nella loro qualità di presentatori = sottoscrittori della lista contrassegnata da “Cerchio contenente nell’emisfero superiore sfumature di colore celeste e arancione rappresentante un sole nascente dal cui interno si irradia una luce più vivida e nell’emisfero inferiore vi è la scritta in colore bianco “Omissis “su sfondo blu” presentata per l’elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale di Frassineto Po in data 14/5/2017 presso la Segreteria Comunale di Frassineto Po

Dichiarano

che i moduli utilizzati per l’autentica della firma da parte del Funzionario incaricato dal Comune di Frassineto Po risultavano corretti quanto alla candidatura a Sindaco di uno dei candidati consigliere comunale e quindi portavano come candidati

alla carica di sindaco

OMISSIS nato a Frassineto Po il 07/06/1975

Candidati Consiglieri

1) OMISSIS nato a Casale Monf. il 22/05/1976

OMISSIS  nato a Frassineto Po il 31/05/1962

OMISSIS nato a Casale Monf. il 24/03/1970

OMISSIS nato a Chivasso il 22/12/1963

OMISSIS nato a Vercelli il 06/06/1977

OMISSIS nata a Alessandria il 10/11/1983

OMISSIS nato a Avellino il 21/02/1962

OMISSIS nata a Casale Monf. il 06/04/1970

In fede

Frassineto Po 17/5/2017”.

Il documento, firmato da 23 persone ed accompagnato dalle carte di identità dei sottoscrittori, presenterebbe le caratteristiche ed i requisiti di un atto di autocertificazione.

Avendo in materia giurisdizione di merito, il giudice amministrativo avrebbe potuto e dovuto esaminare direttamente la realtà fattuale, valutando sulla base della predetta dichiarazione se una correzione la cui esistenza è risultata essere nota ai sottoscrittori al momento della loro firma di presentazione, fosse idonea o meno a garantire la conoscenza delle candidature da parte dei presentatori.

2. L’appello è infondato.

Nel procedimento di ammissione alle elezioni, caratterizzato da un particolare rigore formale a garanzia della certezza della competizione e della par condicio dei concorrenti, e in particolare nella fase di autentica delle firme di presentazione delle liste, le dichiarazioni postume dei sottoscrittori, ancorché valutabili dal giudice, non sono sufficienti a sanare gravi incongruenze della documentazione esaminata dalla Commissione elettorale, che costituisce ciò che “direttamente” (assai più degli enunciati dichiarativi) manifesta la realtà fattuale.

I rilievi formulati dalla Commissione sui moduli sottoscritti dai presentatori dimostrano che non vi è certezza che essi sapessero quale era il candidato sindaco.

Si può ipotizzare, per spiegare il fenomeno, che vi sia stato un cambio dell’iniziale candidato sindaco, sicché i presentatori della lista hanno sottoscritto moduli in cui figurava un candidato sindaco poi modificato (il nome originario è stato interlineato), ma ciò che rileva ai fini del presente giudizio è che le modalità delle sottoscrizioni non lasciano certezza circa la persona che i presentatori intendessero candidare a sindaco.

In tal senso il principio espresso da Cons. St., sez. V, 23 settembre 2005, n. 5011, ancorché riferito a un caso non esattamente coincidente, è stato correttamente richiamato.

5. L’appello è respinto.

La natura della controversia giustifica la compensazione delle spese di giudizio.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Terza, respinge l’appello.

Spese compensate.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 25 maggio 2017 […]

 

Precedente Intermediazione finanziaria abusiva, art 132 Tub Successivo Termine ricorso Tar appalti