Processo telematico Tar: deposito ricorso e notifica di un secondo originale in formato cartaceo

Processo telematico Tar.  In materia di processo amministrativo telematico si è recentemente pronunciato il Tar Catanzaro con ordinanza n. 679 del 26 aprile 2017:

Nessuna norma vieta di redigere il ricorso in doppio originale, uno digitale e uno cartaceo, avviando alla notifica, con le tradizionali modalità materiali, quest’ultimo.

Nel caso in esame i giudici hanno considerato ammissibile il ricorso anche perché:

…-parte ricorrente ha correttamente depositato il ricorso redatto quale documento informatico munito di firma digitale…

…In ogni caso, la redazione di un secondo originale in formato cartaceo e la sua materiale notificazione ha comunque consentito alla Regione Calabria di venire a conoscenza dell’instaurazione della lite, raggiungendosi così lo scopo cui l’atto era preordinato, sicché, a norma dell’art. 156 c.p.c., le eccepite difformità rispetto al modello legale non possono dare luogo ad alcuna forma di nullità…

Vedi anche:

Processo amministrativo telematico 2017, atti processuali formato cartaceo

Misure cautelari nel processo amministrativo telematico: copia cartacea d’obbligo

Obbligo firma digitale processo amministrativo telematico

Notifica telematica, validità firma digitale formato CAdES per notificazione ai sensi della legge n 53 del 1994

PAT processo amministrativo telematico, costituzione in giudizio

Processo telematico entrata in vigore 1 gennaio 2017, rimessione in termini

Opposizione a decreto di perenzione: validità legale del fax ai fini di cui all’art. 9 l. 205 2000

Processo tributario telematico Lazio

Notifica a mezzo pec

Notifica a mezzo pec, contenzioso tributario

Altre Tar Calabria:

Revoca licenza taxi dopo informativa antimafia per infiltrazioni che condizionano l’accesso al mercato: è legittima

Ricorso straordinario al Capo dello Stato avverso atto presupposto e ricorso al Tar contro atto consequenziale: limiti al principio di alternatività

Processo telematico entrata in vigore 1 gennaio 2017, rimessione in termini

Mobbing sul posto di lavoro: presupposti, onere della prova, differenza con l’illegittimo demansionamento

PAT processo amministrativo telematico, costituzione in giudizio

Gestione aeroporto di Reggio Calabria e di Crotone, gara per l’affidamento

Art 80 dlgs 50 2016, giurisprudenza

Anomalia offerta e nuovo Codice Contratti Pubblici

 

Tar Calabria ordinanza n. 679 26 aprile 2017

[…]

Rilevato preliminarmente che:

a) la Regione Calabria ha dedotto l’inammissibilità del ricorso in quanto esso sarebbe stato redatto in formato cartaceo e sottoscritto secondo le modalità tradizionali, e quindi in violazione delle norme sul processo amministrativo telematico, le quali impongono che gli atti di parte siano redatti in formato di documento elettronico sottoscritto con firma digitale;

b) in effetti, la Omissis Soc. Coop. ha notificato alla Regione Calabria il ricorso introduttivo del presente giudizio redatto in formato cartaceo e fisicamente sottoscritto dai difensori;

c) la medesima società, però, ha poi depositato presso la Segreteria di questo Tribunale Amministrativo Regionale il medesimo ricorso redatto questa volta quale documento informatico munito della firma digitale;

d) il ricorso introduttivo è stato quindi redatto in doppio originale, uno cartaceo, l’altro digitale;

e) non è stata segnalata alcuna difformità tra i due esemplari del ricorso;

 

Ritenuto che:

f) l’odierno giudizio è sottoposto al regime del processo amministrativo telematico;

g) parte ricorrente ha correttamente depositato il ricorso redatto quale documento informatico munito di firma digitale;

h) nessuna norma vieta di redigere il ricorso in doppio originale, uno digitale e uno cartaceo, avviando alla notifica, con le tradizionali modalità materiali, quest’ultimo (cfr. TAR Lazio, Roma, Sez. II, 1 marzo 2017, n. 2993);

i) in ogni caso, la redazione di un secondo originale in formato cartaceo e la sua materiale notificazione ha comunque consentito alla Regione Calabria di venire a conoscenza dell’instaurazione della lite, raggiungendosi così lo scopo cui l’atto era preordinato, sicché, a norma dell’art. 156 c.p.c., le eccepite difformità rispetto al modello legale non possono dare luogo ad alcuna forma di nullità;
Ritenuto necessario, al fine del decidere sull’istanza cautelare proposta, che la Regione Calabria depositi, presso la Segreteria di questa Sezione ed entro la data del 3 maggio 2017, una dettagliata e documentata relazione con la quale specifichi se tutte le società cooperative che hanno partecipato alla procedura ad evidenza pubblica di cui si discorre siano state ammesse al finanziamento;
Ritenuto necessario, pertanto, differire ad altra data la trattazione della domanda cautelare;

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria (Sezione Prima), dispone che la Regione Calabria depositi, presso la Segreteria di questa Sezione ed entro la data del 3 maggio 2017, una dettagliata e documentata relazione con la quale specifichi se tutte le società cooperative che hanno partecipato alla procedura ad evidenza pubblica di cui si discorre siano state ammesse al finanziamento.

Rinvia per la trattazione dell’istanza cautelare alla camera di consiglio del 10 maggio 2017.

Così deciso in Catanzaro nella camera di consiglio del giorno 20 aprile 2017 […]

Precedente Polizze fideiussorie appalti pubblici, esecuzione contratto: operatività del soccorso istruttorio. Successivo Il processo amministrativo: onere della prova