Calcolo del reddito minimo per il permesso di soggiorno e diritti fondamentali della persona | Straniero a carico di terzi, possesso del requisito reddituale

Consiglio di Stato sentenza n. 1456 6 marzo 2018:

L’applicazione delle disposizioni che richiedono il possesso di un reddito minimo per il rinnovo del permesso di soggiorno deve restare strettamente ancorata ai termini fissati dalle norme per ciascuna diversa finalità e all’interno della ratio che le sorregge, tenuto conto che da esse dipende l’accesso a diritti fondamentali per la persona interessata.

Pertanto dalle disposizioni del d.lgs. n. 286/1998, complessivamente considerate, non si evince che sia necessaria la dimostrazione del possesso, in modo assoluto ed ininterrotto, del predetto livello di reddito ai fini del rinnovo del permesso di soggiorno, potendo esservi periodi nei quali tali requisiti possano in tutto o in parte mancare purché tali periodi siano limitati nel tempo e non determinino una definitiva perdita della capacità di produrre reddito.

…Nel caso di specie, però, non viene in rilievo una intermittenza del reddito, ma manca totalmente il requisito reddituale in quanto l’appellante vive sostanzialmente a carico di terzi, che a loro volta non dispongono di sufficienti mezzi per mantenerla secondo gli standard previsti dalla normativa italiana.

Ne consegue che le doglianze proposte non possono trovare accoglimento, in quanto la normativa italiana non prevede un particolare regime derogatorio per i soggetti che versano nella particolare situazione dell’appellante, se non nei limiti del bilanciamento degli opposti interessi a cui si è fatto cenno in precedenza.…

 

Il possesso del requisito reddituale per il rilascio del permesso di soggiorno attiene alla sostenibilità dell’ingresso e della permanenza dello straniero nella comunità nazionale in ragione del suo stabile inserimento nel contesto lavorativo e della sua capacità di contribuire allo sviluppo economico e sociale del paese ospitante, senza ricorrere ad attività illecite.

Vedi anche:

Permesso di soggiorno extracomunitari, Consiglio di Stato sentenza n. 5040 31 ottobre 2017: richiesta per lavoro subordinato in mancanza di reddito minimo, diniego illegittimo se Questura non ha valutato (ex art. 5 co. 9 d.lgs. 286 1998) possibilità rilascio per motivi familiari in caso di convivenza evidente e dichiarata dello straniero

Rinnovo permesso di soggiorno per motivi familiari

Lo straniero che spaccia non è pericoloso

Precedente Nessun automatismo fra presenza di dipendenti controindicati e tentativo di infiltrazione mafiosa Successivo Procedura concorsuale per la progressione dal II al I livello nel profilo di Tecnologo: si al riconoscimento dei periodi di servizio presso l’ASI con contratti a tempo determinato, prima della immissione in ruolo (servizio pre ruolo), considerandolo come anzianità effettiva utile ai fini del passaggio di livello