Ricorso concorso medicina generale, ammissione con riserva di altri soggetti, estensione provvedimento cautelare

Ricorso concorso medicina generale: In relazione all’antico brocardo per cui “diligentibus iura succurrunt”, si deve affermare in linea di principio l’irrilevanza per un soggetto terzo di una pronuncia cautelare “inter alios acta” e, di conseguenza, l’assoluta insussistenza di un obbligo giuridico dell’amministrazione di estendere l’ambito soggettivo dei provvedimenti cautelari.

 

L’ammissione con riserva, anche quando il concorrente abbia superato le prove e risulti vincitore del concorso, è un provvedimento cautelare che non fa venir meno l’interesse alla definizione del ricorso nel merito, poiché tale ammissione è, appunto, subordinata alla verifica della fondatezza delle sue ragioni e, cioè, “con riserva” di accertarne la definitiva fondatezza nel merito, senza, però, pregiudicare nel frattempo la sua legittima aspirazione a sostenere le prove, aspirazione che sarebbe irrimediabilmente frustrata se la sentenza a lui favorevole sopraggiungesse all’esaurimento della procedura concorsuale e fosse quindi, a quel punto, inutiliter data, vanificando l’effettività della tutela giurisdizionale.

Proprio in ragione della sua natura temporanea, interinale ed inter partes, il provvedimento cautelare non è in grado di conferire alcun carattere di stabilità ai benefici interinalmente riconosciuti ai ricorrenti solo e limitatamente in relazione alla durata del processo.

…Per questo in esito al rigetto dei relativi ricorsi l’ammissione degli altri medici in sovrannumero è ex sé senz’altro decaduta a tutti gli effetti.

A maggior ragione il provvedimento cautelare su ricorsi altrui è quindi del tutto inidoneo a generare in capo ai soggetti terzi una qualche autonoma, rilevante e qualificata posizione soggettiva che, come tale, possa essere, giuridicamente tutelabile.

In tale ottica quindi la pretesa del ricorrente di essere anche lui ammesso in sovrannumero e senza borsa di studio ai corsi di specializzazione appare quindi un’aspettativa di mero fatto.

Di qui anche l’assoluta inconferenza nel caso di specie delle considerazioni la natura della graduatoria quale atto inscindibile unitario e non di atto plurimo scindibile…

Vedi anche:

Concorso medicina generale, ricorso, sentenza Consiglio di Stato

Concorso specializzazione medicina 2014 miur

Numero chiuso, posto non utile, irrilevante questione costituzionale

Numero chiuso, violazione regola anonimato, ammissione in soprannumero

Concorsi, Commissario coautore quasi totalità pubblicazioni del candidato: deve astenersi

Medici specializzandi, remunerazione, risarcimento mancata attuazione direttive comunitarie

Azienda ospedaliera universitaria, docente convenzionato, modalità svolgimento attività assistenziale: posizione di interesse legittimo

Posto fisso, assunzione da graduatorie ad esaurimento: escluse quelle con solo docenti inseriti con riserva

Ammissione Medicina, non vincitori: iscrizione con riserva e superamento esami non garantiscono accesso definitivo al corso di laurea

Numero chiuso, trasferimento da università straniera, no test d’ingresso

Altri provvedimenti di maggio 2017:

Prodotti medici : certificazione ce dispositivi medici

Termine ricorso Tar appalti

Presentazione liste comunali 2017, ricusazione

Intermediazione finanziaria abusiva, art 132 Tub

Tenuità del fatto 131 bis cp: si applica davanti al giudice di pace?

Richiesta di accesso agli atti negli appalti pubblici secretati

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, costi di costruzione, scomputo oneri di urbanizzazione

Sentenze mobbing: requisiti mobbing

Divieto cani: illegittimo il divieto di accesso ai cani nei parchi pubblici

Ricorso Consiglio di Stato, appello: i principi da seguire

Sponsorizzazione sportiva e definizione “insegna di esercizio”

Adozione Prg, osservazioni proprietari interessati, discrezionalità Comune, motivazione

Ztl Roma, ztl centro storico Roma: legittima la nuova disciplina

Consiglio di Stato sentenza n. 2512 26 maggio 2017

[…]

per la riforma

della sentenza breve del T.A.R. per il LAZIO – sede di ROMA, SEZIONE III QUATER, n. 5873/2016, resa tra le parti, concernente il silenzio-inadempimento serbato dalla regione Lazio in ordine alla istanza di ammissione al corso triennale di formazione specifica in medicina generale 2014-2017 in posizione soprannumeraria e senza borsa di studio;

[…]

FATTO

Con il presente gravame il dottor Omissis ha appellato la sentenza del Tar del Lazio, Sezione Terza quater n. 5873/2013 con cui è stata respinta la sua richiesta di accertamento dell’illegittimità del silenzio inadempimento tenuto dalla Regione Lazio sulla sua istanza — del 2 settembre 2015 poi reiterata con r.r.r. del 22-24 dicembre 2015 – di ammissione al corso triennale di formazione Specifica in medicina generale 2014/2017 in posizione soprannumeraria e senza borsa di studio.

Il ricorrente, che aveva partecipato al relativo concorso pubblico nel quale era risultato collocato nella posizione 385 su un contingente di numero 85 posti messi al bando, aveva chiesto l’estensione della predetta statuizione cautelare, avendo riscontrato che altri candidati – pur avendo riportato punteggi inferiori al suo — erano stati ammessi con riserva in base all’ordinanza cautelare n. 33 95/2015 di questo Consiglio di Stato.

Il ricorso, di ben 41 pagine senza alcuna osservanza del principio di sinteticità degli atti, dopo aver reiterato le censure di primo grado, denuncia rispettivamente: con il primo motivo l’erronea, carente ed ingiusta motivazione; e con il secondo motivo l’iniquità della condanna alle spese.

Si è costituito in giudizio la Regione Lazio che con i propri scritti difensivi rispettivamente il 14 ottobre 2016 del 12 aprile 2017 ha eccepito l’infondatezza delle tesi della ricorrente ed ha concluso per il rigetto.

A sua volta il ricorrente, con le proprie memorie difensive rispettivamente del 16 aprile 2017 e del 21 aprile 2017 ha confutato le tesi di controparte.

Con ordinanza n. 5000/2016 la Sezione ha preso atto della rinuncia alla domanda cautelare del ricorrente.

DIRITTO

1. Il ricorrente assume l’erroneità della sentenza laddove il Tar afferma che, per il tramite dell’artificiosa impugnazione del silenzio, il ricorrente in realtà avrebbe cercato di superare la mancata impugnazione della graduatoria. Al contrario, egli non aveva nessun interesse a contestare la propria collocazione nella posizione 385.

Il suo interesse sarebbe sopravvenuto nel momento in cui, per effetto del provvedimento cautelare, erano stati ammessi in soprannumero e senza diritto alla borsa di studio, anche concorrenti collocati in una posizione deteriore rispetto alla sua. Per effetto del sopravvenire di eventi e fatti ulteriori, rispetto alla fisiologica conclusione delle procedure concorsuali si sarebbe dunque determinato il totale stravolgimento dell’ordine di merito della graduatoria con l’ammissione dei concorrenti collocati rispettivamente al 819°, al 852° o al 861° posto.

L’amministrazione avrebbe pertanto dovuto dare risposte adeguate a tale aberrante situazione.

Il Tar avrebbe quindi solo superficialmente e in maniera errata, e non pertinente, affrontato la questione sostanziale proposta dal ricorrente.

Con un secondo profilo si lamenta che il riferimento del Tar alla natura limitata nel tempo dell’ordinanza cautelare ed alla pretesa “estensione soggettiva del giudicato” non avrebbe tenuto conto della circostanza per cui la graduatoria era un atto strutturalmente e funzionalmente inscindibile. Il suo annullamento parziale avrebbe dovuto giovare a tutti gli altri concorrenti e non valere solo per alcuni e non per altri meglio classificati.

L’Amministrazione avrebbe dovuto tener conto del principio per cui l’annullamento di un atto inscindibile ed unitario produce effetti automatici nei confronti di tutti gli interessati. Né avrebbe avuto rilievo il richiamo alla nozione di atto a contenuto plurimo della graduatoria concorsuale perché nel caso di specie le censure non avevano rilievo a profili soggettivi dei candidati bensì a vizi di ordine generale. Inoltre il Tar Lazio, pur conoscendolo, non avrebbe tenuto conto dell’esito finale del giudizio di merito originariamente avviato innanzi al Tar del Lazio.

Di qui l’insistenza nella richiesta di ammissione in soprannumero e senza borsa del ricorrente come per gli altri medici i cui ricorsi peraltro sono stati in parte dichiarati inammissibili in parte improcedibili.

Il ricorso è infondato.

In relazione all’antico brocardo per cui “diligentibus iura succurrunt”, si deve affermare in linea di principio, l’irrilevanza per un soggetto terzo, quale è l’attuale ricorrente, di una pronuncia cautelare “inter alios acta” e, di conseguenza, l’assoluta insussistenza di un obbligo giuridico dell’amministrazione di estendere l’ambito soggettivo dei provvedimenti cautelari.

Del resto, come lo stesso ricorrente nella sua memoria in data 16.4.2017 dimostra di ben conoscere, non va dimenticato che questa Sezione del Consiglio di Stato, con sentenza n. 209 del 18 gennaio 2017 non solo ha respinto gli appelli avverso la sentenza del Tar Lazio nelle cui vicende processuali d’appello cautelare era stata emessa l’ordinanza invocata a fondamento della pretesa del ricorrente, ma ha testualmente ricordato il suo orientamento (cfr. Sezione III sent., 8 giugno 2016, n. 2448; idem, 6 maggio 2016, n. 1839), per cui: “l’ammissione con riserva, anche quando il concorrente abbia superato le prove e risulti vincitore del concorso, è un provvedimento cautelare che non fa venir meno l’interesse alla definizione del ricorso nel merito, poiché tale ammissione è, appunto, subordinata alla verifica della fondatezza delle sue ragioni e, cioè, “con riserva” di accertarne la definitiva fondatezza nel merito, senza, però, pregiudicare nel frattempo la sua legittima aspirazione a sostenere le prove, aspirazione che sarebbe irrimediabilmente frustrata se la sentenza a lui favorevole sopraggiungesse all’esaurimento della procedura concorsuale e fosse quindi, a quel punto, inutiliter data, vanificando l’effettività della tutela giurisdizionale” (Cons. St., sez. III, 16 giugno 2015, n. 3038)”.

Proprio in ragione della sua natura temporanea, interinale ed inter partes, il provvedimento cautelare non è in grado di conferire alcun carattere di stabilità ai benefici interinalmente riconosciuti ai ricorrenti solo e limitatamente in relazione alla durata del processo.

Per questo in esito al rigetto dei relativi ricorsi l’ammissione degli altri medici in sovrannumero è ex sé senz’altro decaduta a tutti gli effetti.

A maggior ragione il provvedimento cautelare su ricorsi altrui è quindi del tutto inidoneo a generare in capo ai soggetti terzi una qualche autonoma, rilevante e qualificata posizione soggettiva che, come tale, possa essere, giuridicamente tutelabile.

In tale ottica quindi la pretesa del ricorrente di essere anche lui ammesso in sovrannumero e senza borsa di studio ai corsi di specializzazione appare quindi un’aspettativa di mero fatto.

Di qui anche l’assoluta inconferenza nel caso di specie delle considerazioni la natura della graduatoria quale atto inscindibile unitario e non di atto plurimo scindibile.

In definitiva, non vi sono dubbi sulla legittimità del comportamento silente dell’Amministrazione.

2. Del pari va respinta la statuizione circa l’iniquità della condanna alle spese di fronte alla asserita fondatezza della sua pretesa.

Nel processo amministrativo, la sindacabilità in appello della condanna alle spese comminata in primo grado, in quanto espressiva della discrezionalità di cui dispone il giudice in ogni fase del processo, è limitata solo all’ipotesi in cui venga modificata la decisione principale, salvo il caso della manifesta abnormità (cfr. di recente infra multa: Cons. St. Sez. IV 13 aprile 2017 n. 1752; Cons. St. sez. IV 16/03/2017 1752, Cons. St. Sez. V, 22 gennaio 2015, n. 259 ecc.)

3. In conclusione il ricorso è dunque infondato e deve essere respinto.

Secondo le regole generali le spese seguono la soccombenza e sono liquidate come in dispositivo.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza), definitivamente pronunciando, respinge l’appello, come in epigrafe proposto.

Condanna l’appellante al pagamento delle spese processuali che sono liquidate rispettivamente:

— per € 1.000,00 in favore della Regione Lazio;

— per € 1.000,00 in favore del Ministero della Salute.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 4 maggio 2017 […]

 

 

 

Precedente Prodotti medici : certificazione ce dispositivi medici Successivo Servizio trasporto pubblico, gare: Regolamento 1370 2007