Società cooperative, quota 3% utili di esercizio, nuovi termini

DECRETO 23 luglio 2014

Nuovi termini per il versamento della quota del 3% degli utili di esercizio dovuta dalle societa’ cooperative e dai loro consorzi, non aderenti ad alcuna delle Associazioni nazionali di assistenza e tutela del movimento cooperativo. (14A07283)

Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.225 del 27-9-2014

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Vista la legge 31 gennaio 1992, n. 59, art. 11, commi 4 e 6, che ha
istituito a carico delle societa’ cooperative e dei loro consorzi  un
contributo  pari  al  3%  degli  utili  annuali   da   destinare   al
finanziamento  di  iniziative  di  promozione  e  di  sviluppo  della
cooperazione;
Visto il D.M. 9 gennaio 2004 del  Ministro  dell’economia  e  delle
finanze di concerto con il Ministro delle  attivita’  produttive  che
prevede variazioni nelle modalita’ di versamento  del  contributo  in
argomento da parte delle societa’ cooperative e dei loro consorzi non
aderenti ad alcuna Associazione riconosciuta;
Visto il D.M. 11 ottobre 2004 che stabilisce per il  pagamento  del
3% degli utili d’esercizio il termine del 30 ottobre dell’anno in cui
e’ stato approvato il bilancio di esercizio;
Visto il D.M. 1° dicembre 2004 che stabilisce per il pagamento  del
3% degli utili  di  esercizio,  delle  societa’  cooperative  il  cui
esercizio non coincide con l’anno solare, il  termine  di  90  giorni
dall’approvazione del bilancio;
Considerata la necessita’ di uniformare i termini per il  pagamento
del 3% degli utili di esercizio per tutte le  tipologie  di  societa’
cooperative, anche ai fini della semplificazione delle  procedure  di
pagamento e accertamento;

Decreta:

Art. 1

Il versamento della quota del 3% degli utili  di  esercizio  dovuta
dalle societa’ cooperative e  dai  loro  consorzi,  non  aderenti  ad
alcuna delle  Associazioni  nazionali  di  assistenza  e  tutela  del
movimento cooperativo riconosciuta, deve avvenire entro e  non  oltre
300 giorni dalla data di chiusura dell’esercizio.

Art. 2

I  contributi  di   cui   al   presente   decreto   sono   riscossi
esclusivamente per il tramite  dell’Agenzia  delle  Entrate  mediante
versamento sul modello F24 utilizzando il  codice  tributo  «3012»  –
denominato: «Quota del 3% degli utili di esercizio e interessi – Art.
11, comma 4 e 6, legge n. 59/1992».
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte  dei  conti  per  la
registrazione. Della sua adozione verra’ data notizia nella  Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.
[…]

 

Precedente Piano regolatore generale, motivazione scelte urbanistiche Successivo Dia edilizia, potere autotutela, illegittimità provvedimento repressivo-inibitorio