Termini rinnovo permesso di soggiorno, Consiglio di Stato sentenza n. 6026 22 dicembre 2017 sulla natura del termine previsto dall’art. 5 comma 4, d.lg. 25 luglio 1998, n. 286 per la presentazione dell’istanza

I termini relativi al rinnovo del permesso di soggiorno non hanno natura perentoria, bensì ordinatoria ed acceleratoria, rispondendo al fine di consentire il tempestivo disbrigo della relativa procedura ed evitare che lo straniero possa trovarsi in situazione di irregolarità rispetto alla normativa che ne consente il soggiorno in Italia; sicché non costituisce di per sé idonea ragione di diniego del rinnovo del permesso di soggiorno la presentazione della relativa istanza oltre il termine previsto dall’art. 5 comma 4, d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286.

Tali considerazioni vanno tuttavia bilanciate con la concomitante esigenza, sottesa al sistema normativo che regola la materia del permesso di soggiorno, di evitare che sia rimessa alla totale discrezionalità dell’interessato la scelta relativa ai tempi di presentazione dell’istanza di rinnovo, con conseguente riconoscimento della possibilità di permanere in una situazione di irregolarità, in contrasto con le disposizioni del t.u. sull’immigrazione che regolano l’ingresso e la permanenza dello straniero extracomunitario nel territorio dello Stato.

Tale sistema di termini risponde all’ulteriore preciso scopo di evitare l’elusione delle stabilite regole che presidiano il rinnovo dei permessi di soggiorno e le modalità di immigrazione secondo i flussi prefissati, laddove la possibilità che queste ultime siano superate, sempreché vi sia capienza, è limitata solo ed esclusivamente all’ipotesi della tempestiva richiesta, dimostrativa dell’esistenza di circostanze idonee a comprovare un effettivo inserimento lavorativo e sociale dello straniero nel territorio nazionale.

All’insieme di tali ragioni sistematiche si collega l’onere, per l’interessato, di provare le ragioni di “forza maggiore” che gli hanno impedito di presentare un’istanza tempestiva, solo in tal modo potendosi assicurare un raccordo con la previsione di cui all’art. 13, comma 2, del d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286, per il quale il Prefetto dispone l’espulsione dello straniero che “si è trattenuto nel territorio dello …senza aver richiesto il permesso di soggiorno nei termini prescritti, salvo che il ritardo sia dipeso da forza maggiore, ovvero quando il permesso di soggiorno è stato revocato o annullato, ovvero è scaduto da più di sessanta giorni e non è stato chiesto il rinnovo”.

…Occorre peraltro aggiungere che la giurisprudenza di primo grado e di appello propensa a ritenere non ostativa al rilascio del titolo la mera inosservanza del termine per la richiesta di rinnovo, esamina fattispecie caratterizzate da ritardi di modesta entità, a giustificazione dei quali la parte interessata aveva addotto specifici elementi giustificativi (v., ex multis, T.A.R. Veneto, sez. III, 16.5.2017, n. 484; T.A.R. Napoli, sez. VI, 01.8.2017, n. 4017; Cons. Stato, sez. III, 26.5.2016, n. 2230; T.A.R. Lazio, sez. I, 29.10.2013, n. 9234);

Nel caso di specie, analoghe ragioni giustificative non sono state dedotte dall’interessato né in sede procedimentale, né in fase giurisdizionale…..

 

“… le ulteriori censure dedotte in primo grado sono comunque infondate, in quanto, nell’ordine:

a) l’ingiustificato ritardo preclude la disamina dell’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno, rendendo irrilevante la questione della sussistenza degli ulteriori presupposti sostanziali alla stessa sottesi;

b) l’intimazione che precede l’adozione del provvedimento espulsivo di cui all’art. 13, T.U. n. 286 del 1998, è atto conseguente al diniego del permesso di soggiorno e non richiede alcuna specifica motivazione;

c) la mancata traduzione del provvedimento nella lingua conosciuta dal destinatario, non è in grado di inficiarne la validità, non comunque nel caso (qui ricorrente) in cui la stessa omissione non abbia impedito allo straniero di impugnare l’atto tempestivamente e di svolgere compitamente le proprie difese (cfr. Cons. Stato, sez. III, 16.11.2016, n. 4736);

d) analoga ininfluenza va riconosciuta all’intervenuta adozione del provvedimento oltre il termine di 60 giorni dalla presentazione dell’istanza, poiché la legge (art. 5 comma 9 T.U. Immigrazione) non riconnette alcuna conseguenza al mancato rispetto del predetto termine che, di conseguenza, è da ritenersi di carattere ordinatorio.”

Vedi anche:

Rifiuto rinnovo permesso di soggiorno:..istanza presentata dallo straniero dopo condanna per detenzione illecita di sostanze stupefacenti

Espulsione straniero condanna penale ex art 86 dPR 309 1990 (T.U. stupefacenti), protezione dall’espulsione ex art 20 d lgs 251 2007, respingimento per motivi di ordine pubblico o sicurezza interni: NO se nel Paese d’origine rischio pena di morte, tortura o trattamenti inumani – Cassazione penale sent..

Condanna atti persecutori? Per revoca permesso di soggiorno Questura deve sempre effettuare bilanciamento

Visto di ingresso, residenza elettiva, diniego

 

Consiglio di Stato sentenza n. 6026 22 dicembre 2017

L’oggetto del giudizio

“per la riforma

della sentenza breve del T.A.R. LAZIO – SEZ. STACCATA DI LATINA: SEZIONE I n. 00697/2016, resa tra le parti, concernente diniego di rinnovo del permesso di soggiorno.”

Il fatto e le contestazioni

“Omissis, cittadino cinese residente in Italia (in Veroli – FR), già titolare di permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Milano il 23.04.2013, con scadenza al 05.05.2015, spediva il kit per il rinnovo del suo permesso di soggiorno in data 11.05.2015 e contestualmente riceveva invito a presentarsi in data 26.05.2015 presso la Questura di Frosinone per formalizzare l’istanza di rinnovo.

Nondimeno, si presentava allo sportello dell’Ufficio Immigrazione per definire la sua domanda soltanto in data 11.02.2016.

2. Tenuto conto del considerevole ritardo accumulato nella formalizzazione dell’istanza (nove mesi) e della mancanza di qualsivoglia giustificazione addotta dall’interessato, la Questura competente, in data 15.02.2016, emetteva avviso di avvio del procedimento per il rigetto della domanda, ivi specificando la possibilità per la parte interessata di fornire spiegazione del ritardo.

3. In data 15.05.2016 la Stazione Carabinieri di Veroli comunicava l’irreperibilità dello straniero all’indirizzo dichiarato quale residenza all’atto dell’istanza.

4. Infine, in data 14.06.2016 veniva emesso il definitivo provvedimento di rigetto, notificato allo straniero il 23.06.2016.

5. Avverso il predetto diniego veniva presentato ricorso al TAR Latina, con il quale l’interessato si doleva del fatto che la Questura:

a) avesse interpretato il termine di cui all’art. 5, comma 4, d.lgs. 286/1998, come perentorio, in contrasto con il contrario e unanime indirizzo giurisprudenziale;

b) non avesse considerato la sussistenza dei requisiti sostanziali per il rinnovo del titolo; c) non avesse fornito motivazione della disposta misura dell’espulsione dello straniero;

d) non avesse tradotto l’atto nella lingua conosciuta dal destinatario;

e) avesse adottato il provvedimento reiettivo (datato 14.6.2016 e notificato il 23.6.2016), oltre il termine di 60 giorni dalla presentazione dell’istanza, previsto dall’art. 5, comma 9, d.lgs. 286/1998.

6. Nell’accogliere il ricorso di primo grado, con la sentenza n. 697/2016, i giudici di primo grado hanno osservato:

a) in punto di fatto, che – secondo quanto emerge dal provvedimento impugnato e dagli allegati al ricorso – l’istanza di rinnovo del permesso non era stata presentata in data 11 febbraio 2016 ma in data 11 maggio 2015 (e quindi con un ritardo di soli sei giorni e non di sette mesi;

b) in punto di diritto, che – secondo giurisprudenza consolidata – il termine fissato dall’art. 5 comma 4, d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286 per la presentazione da parte dell’extracomunitario della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno, è un termine ordinatorio e non perentorio, sicché la mera circostanza del ritardo nella presentazione della richiesta di rinnovo non integra ragione sufficiente per la reiezione dell’istanza.

7. L’appello promosso dal Ministero dell’Interno prende le mosse dall’art. 13 alla lett. b) del d.lgs. 286/98 – ai sensi del quale è prevista l’espulsione dello straniero che si sia trattenuto nel territorio dello Stato senza aver chiesto il permesso di soggiorno nel termine prescritto, salvo che il ritardo sia dipeso da forza maggiore.

Osserva l’Avvocatura distrettuale come nel caso di specie lo straniero non abbia dimostrato in alcun modo di essere incorso in un impedimento derivante da forza maggiore, né abbia fornito all’Amministrazione alcun elemento per escludere la sua colpevole negligenza.

Osserva inoltre la difesa erariale che l’inoltro del kit alla Questura competente (avvenuto nel caso de quo con raccomandata in data 11.5.2015) costituisce soltanto il primo atto per la presentazione dell’istanza, la quale si completa con la comparizione personale dell’interessato allo sportello dell’Ufficio immigrazione, alla data indicata nell’appuntamento che viene fissato contestualmente all’atto della spedizione del kit: solo in tale momento la pratica viene acquisita dalla Questura e, con il foto-segnalamento, essa si completa e viene sottoposta all’esame della Questura per la decretazione.

Nel caso di specie, ad aggravare il colpevole ritardo accumulato nell’inoltro e nel successivo perfezionamento della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno, concorrono ulteriori circostanze, ed esattamente la mancata presentazione del sig. Omissis all’appuntamento che gli era stato concesso in Questura e la sua condizione di accertata irreperibilità all’indirizzo indicato quale propria dimora.

8. La parte appellata si è ritualmente costituita nel presente giudizio, controdeducendo e opponendosi alle istanze avversarie, mediante richiamo ai motivi svolti nel ricorso introduttivo del giudizio di primo grado.

9. La causa, rinviata al merito in sede cautelare, è stata discussa e trattenuta in decisione all’udienza pubblica del 14.12.2017.

10. L’appello è fondato, per le seguenti ragioni.

10.1. La sentenza di primo grado trae spunto da una non puntuale ricostruzione dei fatti, che attesta un ritardo di pochi giorni nella presentazione dell’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno: si assume infatti che la stessa sia avvenuta in data 11.5.2015, a fronte della scadenza del titolo intervenuta in data 5.5.2015.

10.2. In dissenso da tale ricostruzione fattuale deve osservarsi che, all’atto dell’inoltro del kit – su modulo compilato e inoltrato in data 11.5.2015 – è stato concesso al richiedente un appuntamento (al 26.5.2015) per completare e perfezionare la pratica, attraverso l’espletamento dei rilievi fotodattiloscopici e la consegna della documentazione necessaria.

Solo all’esito di tali ulteriori adempimenti la Questura avrebbe assunto in carico la richiesta.

Lo straniero ha tuttavia disatteso l’appuntamento del 26.5.2015, provvedendo a presentarsi e ad integrare la pratica solo il data 11.2.2016.

10.3. Su questa scansione dei tempi di perfezionamento dell’istanza di rinnovo si diffondono i rilievi svolti dalla parte appellante, richiamati in premessa e non contestati dalla parte appellata, la quale ammette di essersi sottoposta solo in data 11.2.2016 ai rilievi fotodattiloscopici e di avere consegnato solo in quella circostanza la documentazione necessaria per il rinnovo del permesso di soggiorno (cfr. memoria 6.7.2017, pag. 2).

10.4. La più compiuta ricostruzione dei tempi effettivi di inoltro e di perfezionamento della domanda di rinnovo del titolo, fornisce, pertanto, una rappresentazione dell’entità del ritardo di ben maggior consistenza rispetto a quella prospettata dal ricorrente e avallata dal Tar.

Detta circostanza – pur non potendo determinare in modo automatico l’adozione di un provvedimento di diniego, stante la natura non perentoria del termine di rinnovo (Cons. Stato, sez. III, 26.5.2016 n. 2230 e 27.6.2013 n. 3525) – avrebbe comunque necessitato di ragguagli giustificativi intesi a rappresentare le condizioni di forza maggiore o di impedimento oggettivo poste all’origine della mancata osservanza del termine.

Al contrario, alcuna giustificazione è stata resa in tal senso.”

Sulle spese

“Le spese del doppio grado di giudizio possono essere compensate in ragione della peculiarità della fattispecie esaminata.”

Precedente Art 13 TU immigrazione – Testo aggiornato e giurisprudenza relativa dell’art 13 d.lgs. 286 del 1998 Successivo Concorso ricercatore universitario requisiti, Consiglio di Stato sentenza n. 6017 22 dicembre 2017 in materia di concorsi per ricercatori indetti da università telematiche: illegittimo richiedere il possesso di pregressi periodi di insegnamento svolto con modalità telematiche